Il ministro Tria mette gli 80 euro nel mirino

A
A
A

Il bonus di 80 euro in busta paga introdotto dal governo Renzi potrebbe essere cancellato nella prossima legge di bilancio.

Roberta Maddalena di Roberta Maddalena22 maggio 2019 | 11:04

Il bonus di 80 euro in busta paga introdotto dal governo Renzi? Potrebbe essere cancellato nella prossima legge di bilancio. È quanto ha affermato il ministro dell’economia Giovanni Tria prospettando l’abolizione del bonus Renzi a partire dal 2020.

Anziché figurare come “credito d’imposta”, quei soldi verranno restituiti ai lavoratori grazie all’abbassamento della tassa sul reddito delle persone fisiche. In sostanza i lavoratori dipendenti con redditi medio-bassi non dovrebbero veder diminuire i loro salari che al contrario potrebbero perfino aumentare se come promesso l’Irpef dovesse passare dal 23-27% (a seconda delle fasce di reddito) al 15%.

Così stando le cose, quindi, il taglio delle tasse avvantaggerà di più i redditi alti, mentre per i redditi medio-bassi gli effetti positivi della flat tax saranno parzialmente compensati (in negativo) dal taglio degli 80 euro. Per Salvini, intanto, la manovra “non è all’ordine del giorno. Siamo al governo non per togliere, ma per dare”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Tria-Ue, taglio da 8 miliardi per evitare la procedura

G20: preoccupazioni per la guerra dei dazi

Flat tax, il via libera di Tria

Ti può anche interessare

Trump vs Opec, tensione alle stelle

Il tycoon accusa il cartello di gonfiare i prezzi ...

Fisco, parte la guerra al contante di Bankitalia

Sono partiti lunedì 2 settembre i controlli sull’uso anomalo di contanti da parte della Uif, ...

Abusivismo finanziario: la guerra dei cloni

Trentotto interventi di vigilanza, di cui trentasei provvedimenti di contrasto all’attività a ...