G20: preoccupazioni per la guerra dei dazi

A
A
A
Avatar di Hillary Di Lernia10 giugno 2019 | 10:26

Per questo G20 l’attenzione è completamente rivolta alla guerra commerciale tra Usa e Cina. Lo si evince dal comunicato finale del meeting di Fukuoka “Le tensioni commerciali e geopolitiche sono intensificate. Continueremo ad affrontare questi rischi e ad essere pronti ad agire per adottare ulteriori azioni”. 

La richiesta da parte di tutti gli Stati è stata quella di chiedere ai due Paesi di “ridurre le tensioni esortando a fare tutto il possibile per evitare uno scontro che avrebbe impatto negativo, duraturo e profondo sulla crescita.”

La crescita globale si sta stabilizzando ed è generalmente ritenuta proiettata verso un aumento moderato nel 2019 e nel 2010: tuttavia, “la crescita resta bassa e i rischi restano orientati verso un rallentamento”.

A margine del G20,  il ministro dell’Economia italiano, Giovanni Tria in merito alla procedura e sul deficit ha sostenuto la presenza di “un negoziato e di un dialogo con la Commissione Ue” e si dichiara fiducioso nel trovare una soluzione per rispettare le regole di bilancio dell’UE con un deficit attorno al 2,1-2,2%. Per quanto riguarda tema minibot invece, il ministro risponde che “la questione non sarà trattata a livello di governo.”

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Dazi, Pechino va al contrattacco sui T-bond

Guerra dei dazi, tregua di Trump sulle auto

Dazi: la guerra che ammazza Wall Street

Ti può anche interessare

Italia, manovra correttiva certa, ma Salvini smentisce

“La recessione tecnica ha avuto un impatto modesto sul PIL del 2018, bloccandolo allo 0,8%, ma ...

Cassazione, lo Stato deve pagare l’Imu ai Comuni

Lo Stato rischia di dover pagare un salasso di alcuni miliardi ai comuni ...

Banca Generali promossa dagli analisti

Raccomandazioni di acquisto per le azioni della società guidata da Gian Maria Mossa, dopo l’appro ...