G20: preoccupazioni per la guerra dei dazi

A
A
A
Avatar di Hillary Di Lernia10 giugno 2019 | 10:26

Per questo G20 l’attenzione è completamente rivolta alla guerra commerciale tra Usa e Cina. Lo si evince dal comunicato finale del meeting di Fukuoka “Le tensioni commerciali e geopolitiche sono intensificate. Continueremo ad affrontare questi rischi e ad essere pronti ad agire per adottare ulteriori azioni”. 

La richiesta da parte di tutti gli Stati è stata quella di chiedere ai due Paesi di “ridurre le tensioni esortando a fare tutto il possibile per evitare uno scontro che avrebbe impatto negativo, duraturo e profondo sulla crescita.”

La crescita globale si sta stabilizzando ed è generalmente ritenuta proiettata verso un aumento moderato nel 2019 e nel 2010: tuttavia, “la crescita resta bassa e i rischi restano orientati verso un rallentamento”.

A margine del G20,  il ministro dell’Economia italiano, Giovanni Tria in merito alla procedura e sul deficit ha sostenuto la presenza di “un negoziato e di un dialogo con la Commissione Ue” e si dichiara fiducioso nel trovare una soluzione per rispettare le regole di bilancio dell’UE con un deficit attorno al 2,1-2,2%. Per quanto riguarda tema minibot invece, il ministro risponde che “la questione non sarà trattata a livello di governo.”

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Dazi, Wall Street festeggia la tregua

Investimenti, i danni dei dazi

Guerra dazi, la Cina gioca sui cambi

Ti può anche interessare

Consob, Nori è il nuovo dg

La Commissione ha nominato ieri il dott. Mauro Nori nuovo Direttore Generale della Consob. Laureato ...

Ecco perché gli investitori puntano sui real asset

Il 51% delle compagnie assicurative e il 37% dei dirigenti dei fondi pensione prevedono di aumentare ...

Italia, oggi Tria risponde alla UE

“Non servono manovre correttive”, così risponderà entro questa giornata il ministro de ...