Dazi, Trump rispolvera le minacce alla Cina

A
A
A
di Hillary Di Lernia 11 Giugno 2019 | 10:17

Se il presidente cinese Xi Jinping non si presenterà alla riunione del G20, che si terrà i prossimi 28 e 29 giugno a Osaka, Giappone, gli Stati Uniti aumenteranno ancora un’altra volta i dazi. Le nuove minacce, non così nuove, arrivate dal presidente Donald Trump hanno di conseguenza incrementato le preoccupazioni degli investitori sul commercio globale.

Tuttavia il presidente Usa si dichiarerebbe sorpreso se Xi decidesse di non partecipare alla riunione del G20, ma se ciò dovesse verificarsi, gli Stati Uniti che hanno già imposto tariffe sul 35-40% dei prodotti cinesi che gli Usa importano – “tasseranno il restante 60%” dei prodotti esportati.

Nonostante questi nuovi attacchi, le borse asiatiche sono positive stamattina con il Nikkei che ha chiuso a +0,3% sulla scia di Wall Street che ieri ha chiuso in progresso ( l’S&P 500 è salito dello 0,47%, il Dow Jones dello 0,3% e il Nasdaq dell’1,05%).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Dazi, primo accordo tra Unione Europea e Stati Uniti

Settore lusso, nuove minacce di dazi dagli Usa

La tregua Usa-Cina spinge l’import-export di Pechino ancor prima della firma

NEWSLETTER
Iscriviti
X