Conti pubblici, continua il pressing Ue sull’Italia

A
A
A
di Marcello Astorri 14 Giugno 2019 | 10:38

“All’Italia serve una manovra correttiva”. Non è stato tenero il vicepresidente della Commissione europea, Valdis Dombrovskis. Ieri il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, ha affrontato i colleghi dell’Eurogruppo, dove è stata centrale la discussione sul debito italiano. Il presidente dell’Eurogruppo, Mario Centeno, ha ammonito l’Italia: “Deve rispettare le regole”, ha detto, “Servono numeri, dati e se necessario misure”. Sempre saldo sulle sue posizioni, ma più accomodate, il commissario agli affari economici Pierre Moscovici: “Continuiamo con il lavoro preparatorio che può portare alla procedura, restando pronti a valutare ogni elemento che l’Italia può portare”. Che poi però ha aggiunto: “La porta è ancora aperta, siamo in modalità di ascolto”.

Dal canto suo, invece, il ministro Tria si è detto sicuro di riuscire a dimostrare che il deficit sarà inferiore di 0,2 punti rispetto alle previsioni della Commissione, che lo stimano al 2,5% quest’anno e al 3,5% nel 2020. Il ministro, infine, ha ribadito la sua contrarietà ai minibond.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti: c’è del buono nelle banche italiane

Mercati, in Italia si è aperto un nuovo ciclo economico

Cresce l’ottimismo sull’Italia. I certificati di Vontobel per sfruttare lo scenario

NEWSLETTER
Iscriviti
X