Titoli di Stato, in aprile boom di acquisti dall’estero

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri19 giugno 2019 | 12:02

Impennata di acquisti esteri sui titoli del debito sovrano italiano. In aprile, secondo i dati  della bilancia dei pagamenti diffusa dalla Banca d’Italia, gli acquisti di titoli di Stato italiani da parte di non residenti sono stati pari a 5,2 miliardi. Molto di più rispetto a quanto era accaduto nel mese di marzo, quando lo stesso dato si era fermato a 1,2 miliardi: in gran parte di Bot. È il secondo miglior risultato dell’anno dopo quello registrato nel mese di gennaio, che aveva visto acquisti di titoli pubblici per oltre 21 miliardi.

Tornando però al rapporto di Bankitalia pubblicato oggi, si nota che, sempre nell’arco di aprile, gli investitori esteri hanno acquistato anche 5,7 miliardi in azioni, quote di fondi e obbligazioni.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bankitalia: servono diplomazia e buon senso con l’Ue

Conto Arancio, mazzata di Bankitalia

Btp: che rivincita dopo il flop Italia

Carige, terremoto ai vertici

Capitali, 40 miliardi in fuga dall’Italia

Banche, calano le sofferenze. Ma attenzione ai titoli tossici

Bilanci delle sim e delle sgr, ecco che cosa cambia

Fondi comuni, che stangata in dieci anni

Bcc a una svolta, dite la vostra sulla nuova vigilanza

Arbitro bancario, ecco le reti nel mirino

Tutela del risparmio, audizione di Visco (Bankitalia) al Senato

Bufera su Bsi in Italia

Ubi Banca e Bper salgono in borsa dopo nota Bankitalia

Social lending made in Italy, cosa dice la nuova (?) legge

Banca d’Italia pubblica le attese Disposizioni in tema di social lending

Sanzioni per banche e manager, più poteri a Bankitalia

Intermediari e rischi, Bankitalia accetta suggerimenti fino al 18 dicembre

Bankitalia: 20 società in amministrazione straordinaria

Remunerazioni top presso banche e sim, Bankitalia detta le scadenze

Intermediari in difficoltà, da Bankitalia la lista delle procedure di amministrazione straordinaria

Banche, Visco: la vigilanza sta seguendo “casi gravi ma non gravissimi”

C’è più oro nei forzieri di Via Nazionale

Banche in affanno, sei nuove procedure da inizio anno

Vigilanza sugli intermediari, Bankitalia si riorganizza

Visco (Bankitalia): necessaria crescita e unione piena

Bankitalia: il reddito delle famiglie calerà ancora

Banche, Visco ritocca le garanzie per i finanziamenti dalla Bce

Bankitalia, un faro sugli stipendi dei manager

Promotori finanziari, la spinta arriva dai depositi

Spending review: bye bye Isvap e Covip, arriva l’Ivarp

Fiduciarie, con la riforma nuove regole antiriciclaggio

Ti può anche interessare

Generali, partnership sulle unit linked con Dws

Accordo dopo un processo di selezione condotto dalla business unit Asset, Wealth and Investment Man ...

I bot vanno a segno, spread ancora giù

Collocati tutti i 6 miliardi di BoT con scadenza a 6 mesi ...

Confindustria lancia l’allarme recessione

L’Italia potrebbe entrare in recessione tecnica a fine anno mettendo a segno negli ultimi tre mesi ...