Paradisi fiscali, all’Italia costano 8 miliardi

A
A
A
Avatar di Hillary Di Lernia 3 Luglio 2019 | 11:11

Dumping fiscale, ma quanto ci costi!

Secondo quanto riporta Milano Finanza all’Italia i cosiddetti “paradisi fiscali” costano tra 5 e 8 miliardi di dollari l’anno. A tal proposito, il neo-presidente dell’Antitrust, Roberto Rustichelli ha citato il caso di Fiat Chrysler, la principale azienda automobilistica del Paese, che ha trasferito la sede fiscale a Londra e delle controllate in Olanda.

Rustichelli ha anche espresso alcuni punti critici in merito alle asimmetrie che reprimono il corretto funzionamento del mercato unico europeo, le quali se eliminate, potrebbero invece garantire il consenso all’interno dell’Unione Europea.

In ogni caso i numeri non lasciano spazio a dubbi: mentre il Lussemburgo attira investimenti esteri pari al 5.760%, l’Olanda al 535% e l’Irlanda al 311%, l’Italia solo il 19% e i meri fondamentali economici non sembrano giustificare tali risultati.

Una nuova minaccia per le autorità di controllo sarebbe rappresentata dall’economia digitale, ove il rischio sembrerebbe risiedere nelle posizioni di dominio dei big tech che potrebbero impedire l’accesso a nuovi operatori riducendo anche gli incentivi all’innovazione e al miglioramento dell’offerta. A tutela della concorrenza nel settore digitale, oltre alle acquisizioni societarie effettuate dai grandi operatori digitali, vi è il bisogno di rafforzare le difese al fine di contrastare eventuali cartelli.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Intesa-Ubi, via libera anche dall’Antitrust

Intesa-Ubi, si accende il faro dell’Antitrust

Ocf e Antitrust, insieme per proteggere gli investitori

NEWSLETTER
Iscriviti
X