Consob, linea dura contro gli abusivi del trading

A
A
A
Avatar di Hillary Di Lernia31 luglio 2019 | 12:11

Bibbidi-bobbidi-boo. Per la prima volta, la Consob ha esercitato i nuovi poteri di vigilanza in materia di contrasto dell’abusivismo finanziario sul web, oscurando quattro siti internet che offrivano senza autorizzazione servizi di investimento.

Lo comunica la commissione in una nota. Gli interventi riguardano in particolar modo i siti: allglobalmarkets.com, marketsxchange.com, sigmafortrade.com e swisscfd.com. È il primo caso di applicazione della nuova normativa introdotta dal recente Decreto Crescita (legge n. 58 del 28 giugno 2019), in base al quale Consob, in quanto Autorità di regolamentazione e di vigilanza sui mercati finanziari, ha acquisito il potere di ordinare ai gestori delle reti Tlc l’oscuramento dei siti abusivi, rendendoli inaccessibili agli utenti in territorio italiano.

Fino al 2017 Consob poteva pubblicare solo warning, ovvero avvertimenti rivolti al pubblico circa i rischi connessi con i servizi offerti da operatori non abilitati.

Dal 2018, con l’entrata in vigore della nuova disciplina europea in materia di prestazione dei servizi d’investimento (Mifid2), gli strumenti della Consob sono stati incrementati grazie all’attribuzione del potere di ordinare agli operatori abusivi la cessazione della violazione. La nuova normativa nazionale, tuttora in fase di piena attuazione, evidenzia la Consob, segna un ulteriore passo in avanti alla lotta all’abusivismo del trading.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Gestione di portafogli abusiva, arriva la doppia sanzione

Coppia di abusivi sotto la scure di Consob

Consob, arriva la sanzione per un broker abusivo

Ti può anche interessare

Consulenti, come diventare una Star dei colloqui

Tutto quello che devi sapere per fare centro al primo colloquio di lavoro ...

Oggi su BLUERATING NEWS: BlackRock all’orientale, conseguenze spread

Tutte le notizie e i protagonisti della giornata ...

Bond, per Jp Morgan saranno tempi duri

All’inizio del 2019 gli investitori obbligazionari hanno potuto contare su un contesto favorev ...