Pil, l’Italia è ferma al palo

A
A
A
di Redazione 31 Luglio 2019 | 12:21

Prosegue nel secondo trimestre del 2019 la fase di sostanziale stagnazione dell’economia italiana che prosegue ormai dal secondo trimestre dello scorso anno. Dopo il lievissimo calo registrato nella seconda metà del 2018 e l’altrettanto marginale recupero del primo trimestre, il PIL ha segnato nel secondo 2019 una variazione congiunturale nulla.

E’ la stima preliminare dell’Istat, ripresa dall’agenzie Teleborsa, che precisa “si basa su una valutazione dal lato dell’offerta che indica cali dell’attività per l’agricoltura e per l’industria e un contenuto incremento per l’insieme del terziario”.

Nel periodo, l’Ufficio di statistica prevede che il prodotto interno lordo (PIL), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2010, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, sia rimasto stazionario sia rispetto al trimestre precedente, sia nei confronti del secondo trimestre del 2018.

Il secondo trimestre del 2019 – sottolinea l’Istat – ha avuto una giornata lavorativa in più rispetto al trimestre precedente e una giornata lavorativa in più rispetto al secondo trimestre del 2018.

La variazione congiunturale è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto sia nel comparto dell’agricoltura, silvicoltura e pesca, sia in quello dell’industria e di un aumento in quello dei servizi. Dal lato della domanda, vi è un contributo nullo sia della componente nazionale (al lordo delle scorte), sia della componente estera netta.

La variazione acquisita per il 2019 risulta nulla.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: cosa fare se la locomotiva tedesca arranca

Mercati: Italia verso la recessione e debito pubblico verso nuovi top

Mercati, Svizzera: i due scenari di crescita secondo il Politecnico di Zurigo

NEWSLETTER
Iscriviti
X