Pil, l’Italia è ferma al palo

A
A
A
Avatar di Redazione 31 Luglio 2019 | 12:21

Prosegue nel secondo trimestre del 2019 la fase di sostanziale stagnazione dell’economia italiana che prosegue ormai dal secondo trimestre dello scorso anno. Dopo il lievissimo calo registrato nella seconda metà del 2018 e l’altrettanto marginale recupero del primo trimestre, il PIL ha segnato nel secondo 2019 una variazione congiunturale nulla.

E’ la stima preliminare dell’Istat, ripresa dall’agenzie Teleborsa, che precisa “si basa su una valutazione dal lato dell’offerta che indica cali dell’attività per l’agricoltura e per l’industria e un contenuto incremento per l’insieme del terziario”.

Nel periodo, l’Ufficio di statistica prevede che il prodotto interno lordo (PIL), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2010, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, sia rimasto stazionario sia rispetto al trimestre precedente, sia nei confronti del secondo trimestre del 2018.

Il secondo trimestre del 2019 – sottolinea l’Istat – ha avuto una giornata lavorativa in più rispetto al trimestre precedente e una giornata lavorativa in più rispetto al secondo trimestre del 2018.

La variazione congiunturale è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto sia nel comparto dell’agricoltura, silvicoltura e pesca, sia in quello dell’industria e di un aumento in quello dei servizi. Dal lato della domanda, vi è un contributo nullo sia della componente nazionale (al lordo delle scorte), sia della componente estera netta.

La variazione acquisita per il 2019 risulta nulla.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Crescita, il pil rallenta con il Coronavirus

Pil, nessuna crescita per l’Italia nel 2019. Parola di Ocse

Conte bis, la benedizione di Moody’s

Manovra, la mazzata fiscale si fa sentire

Istat, nubi minacciose sul pil italiano

Moody’s: Pil italiano al rallentatore

Pil, le grandi banche sono pessimiste

Pil, l’Italia entra in recessione tecnica

Cina, il Dragone ha il fiato corto

Pil Usa rivisto a +1,4% nel secondo semestre

Istat: nel 2015 Pil a +0,7%, pressione fiscale resta ferma al 43,4%

Il Pil italiano resta appeso all’export, segnali di rallentamento dall’Europa

Eurostat: Pil Eurolandia sale dello 0,6% nei primi tre mesi del 2016

L’economia accelera in Germania nel 2015

La Bce aggiorna le stime su Pil e inflazione Eurozona

Usa: rivista al rialzo stima Pil III trimestre, +2,1%

Istat: rallenta nel terzo trimestre la ripresina italiana

L’Istat conferma i segnali di ripresa

Il motore della crescita Usa restano i consumi

Commissione Ue: la ripresa slitta ancora

Alleva (Istat): il Pil? Negativo anche quest’anno

Pil, meglio del previsto ma rallenterà

Ocse, PIL in crescita dello 0,7%

In Italia la crescita è ancora debole

Pil, S&P rivede in ribasso le stime del governo

Eurozona, Pil a -2,2%, ma salgono i prezzi

Istat, nel 2009 il deficit peggiore dal ’96

UK, Pil in rialzo ma trema la tripla A

Banca di Francia, Pil +0,4%

Pil Eurozona in calo, il peggiori risultato in 39 anni

Pil in calo, i tedeschi rivogliono il Marco

Pil Eurozona, – 2,5% nel primo trimestre

Migliora il quadro congiunturale dell'euro-zone

Ti può anche interessare

Oro, avanti tutta con la strategia di zio Paperone

Miglior performance da nove anni per il metallo giallo, che nel 2019 ha avuto rendimenti superiori a ...

Strumenti finanziari, quando il gestito incontra la finanza comportamentale

Fineco Asset Management, società irlandese di gestione del risparmio interamente partecipata da Fin ...

Coronavirus, Bufi (Anasf): “La Borsa non va chiusa”

Il presidente dell’Anasf su Twitter si dice d’accordo con la Consob che ha voluto mantenere ape ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X