Pil, l’Italia è ferma al palo

A
A
A
Avatar di Redazione31 luglio 2019 | 12:21

Prosegue nel secondo trimestre del 2019 la fase di sostanziale stagnazione dell’economia italiana che prosegue ormai dal secondo trimestre dello scorso anno. Dopo il lievissimo calo registrato nella seconda metà del 2018 e l’altrettanto marginale recupero del primo trimestre, il PIL ha segnato nel secondo 2019 una variazione congiunturale nulla.

E’ la stima preliminare dell’Istat, ripresa dall’agenzie Teleborsa, che precisa “si basa su una valutazione dal lato dell’offerta che indica cali dell’attività per l’agricoltura e per l’industria e un contenuto incremento per l’insieme del terziario”.

Nel periodo, l’Ufficio di statistica prevede che il prodotto interno lordo (PIL), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2010, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, sia rimasto stazionario sia rispetto al trimestre precedente, sia nei confronti del secondo trimestre del 2018.

Il secondo trimestre del 2019 – sottolinea l’Istat – ha avuto una giornata lavorativa in più rispetto al trimestre precedente e una giornata lavorativa in più rispetto al secondo trimestre del 2018.

La variazione congiunturale è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto sia nel comparto dell’agricoltura, silvicoltura e pesca, sia in quello dell’industria e di un aumento in quello dei servizi. Dal lato della domanda, vi è un contributo nullo sia della componente nazionale (al lordo delle scorte), sia della componente estera netta.

La variazione acquisita per il 2019 risulta nulla.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti finanziari, clientela a raffica

Brexit e accordo USA-Cina tengono in allerta i mercati

IWBank PI, poker d’assi nel reclutamento

Fee only, la carica dei 300 (e oltre)

Copernico sim mille culure

Banca Euromobiliare, una convention per le persone

Consulenti, meglio occupati che preoccupati

C’è un po’ di Credem in Santa Maria

Enasarco, la Fondazione precisa

Elezioni Anasf, due fronti e un outsider

Consulenti, la gioventù che non avanza

Consulenti, 6 scelte per un business lunch perfetto

Mediolanum, il trimestre regala masse record e dividendo

Asset allocation: qualche spunto per chiudere l’anno

Enasarco-Costa, poche chance per un bis

Azimut, un utile straripante

Consulenti e bancari: fate attenzione a cambiare società

Azimut, i nuovi piani dopo Ali Expo

Deutsche Bank, trimestre ancora in rosso

Consulenza indipendente, i cinque sigilli di Moneyfarm

Bce, il commiato di Draghi

Mercati, l’importanza dello stimolo fiscale

Verso la consulenza “sociale”, parla Molesini (Assoreti)

Amiral Gestion, uno sguardo sui mercati alla fine dell’anno

Investimenti: high yield, quando il rischio premia

Fideuram Ispb, svolta con Apple nei pagamenti

Banca Mediolanum, scatto della raccolta ad agosto

Investimenti, il termometro obbligazionario

Mercati, occhio al nuovo possibile rally

Investimenti, argento vivo

Consulenti, ecco tutte le app che vi possono aiutare

I mercati tifano per un nuovo governo

Consulenti, così si diventa fedeli alla mandante

Ti può anche interessare

Anima, prosegue il periodo no della raccolta

La raccolta netta di risparmio gestito (escluse le deleghe assicurative di ramo I) del gruppo Anima ...

La mannaia dell’Iva incombe sulle famiglie

Come la trappola dell'iva potrebbe impattare sui conti degli italiani ...

Gestori globali, ecco i titoli preferiti

I titoli più amati dai money manager globali sono Alphabet, Visa e Microsoft. Male Apple ...