Investitori spaventati, l’oro gode

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri6 agosto 2019 | 10:27

La valutazione dell’oro nella giornata di ieri è schizzata a 1.470 dollari l’oncia, il livello più elevato dall’aprile del 2013. Da inizio anno il rialzo è intorno al 15 per cento. L’appetibilità dei beni rifugio è aumentata considerevolmente e, a spingere il valore del metallo giallo, è stata prima l’attesa del taglio dei tassi della Fed, poi la mazzata dell’annuncio del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, di introdurre nuovi dazi da settembre sulle merci cinesi.

Gli sviluppi delle ultime ore, con Pechino che ha risposto svalutando lo yuan, hanno gettato nel panico i mercati mondiali, perché ora lo spettro di una guerra commerciale sempre più aspra, oltre ad allontanare l’ipotesi di un accordo tra le due potenze, rischia di trascinare il mondo intero in una recessione.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

I venti di guerra spingono l’oro

Oro, avanti tutta con la strategia di zio Paperone

Oro, l’ombra del crimine sui lingotti fake

Asset allocation, l’oro per diversificare

Oro, scatto da centometrista: ai massimi dal 2013

L’oro continua a brillare

Oro, Ubs vede lo sprint a 1.600 dollari

Mercati, quanto corrono oro e petrolio

Le banche centrali puntano sull’oro

Investimenti in oro: è corsa verso il bene rifugio

Banche centrali: l’età dell’oro

WisdomTree: il 2019 avrà l’oro in bocca

Borse, scatta la corsa a oro e beni rifugio

Oro, c’è da scommetterci: lo dice Schroders

Asset allocation, è tornata tanta voglia di oro

E l’oro torna sexy: lo dice BofA Merrill Lynch

Albo Compro Oro dopo l’estate

Capitali, come portarli all’estero (legalmente)

Oro, si raffredda la domanda

Promette mega-rendimenti con l’oro. Sospeso sito web dalla Consob

Dopo attacco missilistico Usa alla Siria borse in calo, salgono bond, oro e petrolio

Il rialzo graduale dei tassi della Fed può favorire oro e materie prime

Trump sta vincendo, mercati finanziari mondiali nel panico

Wall Street apre novembre con un lieve calo degli indici

Citigroup: da Trump e dai tassi Usa sostegno alle quotazioni dell’oro

Oro, meglio gli Etf che i titoli minerari a questi livelli

Apple mette di buon umore Wall Street

La Turchia rende prudente Wall Street, risale l’oro

Wall Street parte bene, brillano Citigroup e General Electric

Anche New York prosegue calo, bene bond e oro

Anche Wall Street si lecca le ferite a causa della Brexit

Wall Street parte in rialzo, spera nella vittoria del “remain”

Anche Wall Street fa il tifo per la permanenza della Gran Bretagna nella Ue

Ti può anche interessare

Titoli di Stato, in aprile boom di acquisti dall’estero

Impennata di acquisti esteri sui titoli del debito sovrano italiano. In aprile, secondo i dati  del ...

SPECIALE ROADSHOW “ROAD TO THE FUTURE”: per Credit Suisse AM giocando si impara

A cosa serve un roadshow se non a tracciare la strada di un settore, quello della consulenza finanzi ...

Banche e reti, per Ubs c’è chi è buy e chi no

Fineco e Anima sono da comprare, Azimut e Banca Generali da vendere. Giudizio neutro per Banca Medi ...