Ue, nuova tirata d’orecchie al governo

A
A
A
di Hillary Di Lernia 6 Agosto 2019 | 11:04

Ancora bacchettate sulle mani per il nostro governo. Come riporta MF – Milano Finanza, alcuni giorni fa l’Unione Europea ha aperto contro Roma dieci nuove procedure di infrazione in diversi settori.

Tra i dossier emergono sia quello per la mancata osservanza ai provvedimenti europei in materia di attacchi contro i sistemi di informazione, sia quello inerente alle sanzioni penali in caso di abuso di mercato e sul mancato accoglimento della direttiva sui meccanismi di risoluzione delle controversie fiscali in Europa.

In questo modo arrivano a 79 le procedure pendenti a carico dell’Italia, di cui 71 per violazione del diritto dell’Unione e 8 per la mancata accettazione di direttive.

Le materie maggiormente oggetto di imputazione sono l’Ambiente (18 contestazioni), Fiscalità (12), Trasporti (7), Concorrenza ed Energia (5) e Giustizia.

Fortunatamente, grazie all’aggiustamento dei saldi per il 201, il nostro Paese è quantomeno riuscito a scampare a un tipo di infrazione ben più pesante , ovvero quella per debito eccessivo. Tuttavia, attenzione: i conti italiani saranno nuovamente posti sotto la lente d’ingrandimento di Bruxelles in autunno, con la prossima legge di Bilancio.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Petrolio, indici e Commissione Europea: la view di Massara (Pwa)

Nomine Bce e Commissione Europea, l’impatto sui portafogli obbligazionari

Governo, l’Europa spacca la maggioranza

NEWSLETTER
Iscriviti
X