Guerra dazi, la dote amara della recessione

A
A
A
di Hillary Di Lernia 6 Agosto 2019 | 12:11

Ancora giornate buie per i mercati, che continuano a risentire della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, soprattutto dopo che nei giorni scorsi il presidente americano, Donald Trump, ha annunciato l’introduzione di dazi al 10% su 300 miliardi di dollari di merci cinesi.

Come riporta Il Sole 24 Ore, a Wall Street è scattato il panico, con gli indici in forte calo e vendite decise soprattutto sul settore dei tecnologici. Situazione migliore per Milano (-1,3%) e Madrid (-1,3%), mentre Londra continua con i ribassi.

Lo spread ha chiuso in rialzo a 209,4 punti con +6,1 punti.

Ad ogni modo l’ulteriore richiesta cinese alle imprese a controllo statale di sospendere le importazioni di beni agricoli dagli Stati Uniti e i titoli Usa che hanno invertito la curva dei rendimenti, fanno sempre più protendere verso un concreto rischio di recessione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Dazi, è guerra senza sosta

Guerra dazi, la Cina gioca sui cambi

Dazi, Trump rispolvera le minacce alla Cina

NEWSLETTER
Iscriviti
X