Banca Mediolanum, raccolta senza guizzi a luglio

A
A
A
Avatar di Redazione7 agosto 2019 | 11:27

La raccolta netta di Banca Mediolanum rimane stabile. Il gruppo guidato da Massimo Doris a luglio ha avuto afflussi per 268 milioni di euro (in lieve calo rispetto ai 292 milioni di giugno), con un totale di 2,3 miliardi dall’inizio del 2019. Ancora una volta il risparmio gestito traina gli afflussi con 302 milioni. Dall’inizio dell’anno, gli apporti dedicati a prodotti dell’asset management rappresentano oltre il 75% della raccolta totale (1,7 miliardi su 2,3 circa).

Massimo Doris, amministratore delegato di Banca Mediolanum afferma: “Dopo aver registrato pochi giorni fa gli ottimi risultati del primo semestre, anche la raccolta di luglio conferma l’andamento decisamente positivo di questo periodo. Mi ritengo molto soddisfatto dei 268 milioni di raccolta totale, che portano a 2,3 miliardi il progressivo del 2019 e degli oltre 300 milioni di raccolta in risparmio gestito, anche in questo mese composta prevalentemente da soluzioni unit-linked ad alto valore aggiunto”. Prosegue Doris: “Si tratta di risultati che assumono ancora più significato in un mese in cui anche le altre iniziative strategiche su cui stiamo puntando continuano a riscuotere un grande successo. Mi riferisco alla quotazione di Iervolino Entertainment, seconda IPO di Banca Mediolanum in qualità di NOMAD e Financial Advisor. Crescono inoltre i premi assicurativi delle polizze protezione e i crediti alla clientela, con l’erogazione dei mutui che nel solo mese di luglio raggiunge per la prima volta la cifra record di 173 milioni di euro, il 58% in più della media mensile del primo semestre 2019”. E conclude l’Ad: “Mi aspetto che dopo la pausa estiva i volumi proseguano ed accelerino come di consueto nella seconda parte dell’anno”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenza fiscale, Mediolanum spiega gli Indici Sintetici di Affidabilità

Il risiko delle reti nel segno BlackRock

Mediolanum, dopo l’estate in arrivo novità sulla protezione dei clienti

Dividendi, ecco le reti rendono più dei btp

Reti, Mediolanum e Azimut puntano le pmi eccellenti

Reti Champions League: Mossa sa solo vincere, testa a testa Di Muro-Giuliani

Banca Mediolanum, toccato il record di masse gestite

Banca Mediolanum, la family (banker) si allarga

Performance fee, le linee guida Esma non danneggiano le reti

Rendiconti Mifid 2, Fineco sceglie la semplicità

Mediolanum, così parlò di Montigny al Fed

Mediolanum, la nuova app al debutto

Mediolanum, la raccolta trabocca di gestito

Reti Champions League: Molesini, giornata da bomber

Caso H2O, faccia a faccia di Natixis con le reti

Nuovi Pir, Doris boccia il governo

Mediolanum, la raccolta scala la marcia

Reti Champions Leaugue: Foti-Rebecchi, duello per la vetta

Mediolanum svela l’antidoto contro il male del fai-da-te

Mediolanum, il cliente in maglia rosa

Doris, altri 1,7 milioni su Mediobanca

Mediolanum, Doris come Capitan America

Mediolanum, il rendiconto ai raggi x

Banca Mediolanum: convention 2019, la cronaca completa

Banca Mediolanum, profitti con il turbo

Mediolanum, mazzata su Fininvest

Mediolanum, la convention è dietro l’angolo

Mediolanum, marzo ricco nel reclutamento

Mediolanum, consulenza caput mundi

Banca Mediolanum: l’uomo di frontiera che cavalca l’innovability

Mediolanum: convention a maggio e spinta sul private

Doris striglia il governo sui Pir

Mediolanum, ora la dichiarazione non finanziaria è su blockchain

Ti può anche interessare

Borsa, la fiducia delle aziende tedesche traina Piazza Affari

L’indice Ifo sulla fiducia delle aziende in Germania è calato a 99,6 punti a marzo, ma è un ...

BNY Mellon, Stefania Paolo al timone di comando in Italia

BNY Mellon Investment Management,  ha annunciato la nomina di Stefania Paolo come country head per ...

I mercati tifano per un nuovo governo

Il mercato non vuole le elezioni anticipate. Come sottolinea MF – Milano Finanza, indipendente ...