Btp, scorpacciata giapponese

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri 8 Agosto 2019 | 15:55

Dal Paese del Sol Levante si guarda con interesse ai titoli di stato italiani. In base a quanto riporta Milanofinanza.it, gli investimenti dei fondi comuni giapponesi hanno iniziato a fare incetta di Btp, con investimenti che lo scorso giugno hanno toccato i 2,6 miliardi di dollari: il livello massimo da 14 anni a questa parte (e forse anche di sempre, visto che i dati hanno cominciato a essere pubblici appunto dal 2005). Sono cifre che arrivano direttamente dalla bilancia dei pagamenti del ministero dell’Economia e delle Finanze pubblicata oggi.

Dietro a questa tendenza ci sarebbe la ricerca di redditività nel portafoglio dei fondi comuni, dal momento che il rendimento del decennale giapponese in questi giorni è arretrato in territorio negativo (-0,2%). Condizione condivisa da molti altri, dal momento che in questo periodo storico il 25% delle obbligazioni mondiali offre rendimenti in retromarcia. E allora ecco che il Btp diventa improvvisamente attraente, con un rendimento del decennale che oggi si attesta all’1,48%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Giappone, un potenziale in attesa di essere riscoperto

Tassi nominali e reali, la lezione del Giappone per il post-Covid

L’Eurozona verso il declino come il Giappone degli anni ’90? Analogie e differenze

NEWSLETTER
Iscriviti
X