Investimenti, i danni dei dazi

A
A
A
Avatar di Hillary Di Lernia12 agosto 2019 | 15:35

mercati emergenti hanno subito una profonda trasformazione negli ultimi vent’anni, aumentando non soltanto in termini di dimensioni ma anche di portata. Tuttavia lo scontro commerciale USA-Cina potrebbe seriamente pesare sulla loro crescita.

Michael Vander Elst, CFA, Portfolio Manager Fixed Income di DPAM, spiega che il rallentamento della crescita globale, le politiche accomodanti delle banche centrali nei paesi sviluppati e il probabile aumento di politiche monetarie non convenzionali, uniti a un contesto di bassa volatilità dei cambi, hanno incrementato i rendimenti dei Mercati Emergenti dall’ultimo trimestre del 2018.

Molte banche centrali dei mercati emergenti hanno approfittato di questa opportunità per politiche di riduzione
dei tassi al fine di stimolare la crescita. Questa festa potrebbe tuttavia finire.

Cosa è cambiato? Il recente aumento delle tariffe applicate dagli Stati Uniti su altri 300 miliardi di merci
cinesi e la reazione del Renminbi, che ha rotto il livello molto importante di 7.00 rispetto al dollaro USA,
hanno portato alla vendita di valute emergenti.

In un contesto di indebolimento valutario sui mercati emergenti, diventerà sempre più difficile per le
Banche Centrali dei paesi emergenti stimolare la crescita abbassando i tassi, specialmente nei paesi che
importano inflazione tramite il deprezzamento delle valute. La finestra per un ulteriore allentamento
potrebbe chiudersi a breve.

La ricerca globale di rendimento (carry), con quasi 13 trilioni di dollari di debito che già mostrano
rendimenti inferiori allo zero in tutto il mondo, è fortemente a favore delle obbligazioni dei mercati
emergenti e i tassi di interesse reali dei paesi emergenti rimangono a livelli interessanti.

Un aumento della volatilità delle valute emergenti rende tuttavia meno appetibile l’investimento sul debito di tali mercati.  In questo contesto, rimaniamo costruttivi nei confronti del debito dei mercati emergenti in quanto vediamo
i tassi globali scendere, ma siamo più cauti nei confronti delle valute di questi paesi.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Dazi, Wall Street festeggia la tregua

Guerra dazi, la Cina gioca sui cambi

Trump-Xi, una pausa pacifica

Ti può anche interessare

Italia, il settore produttivo storce il naso

Il settore manifatturiero italiano sta perdendo la fiducia. Lo registra un’indagine di Markit, ...

Asset allocation, diversificare con i liquid alternative

Al traguardo del suo quinto appuntamento, l’Alternatives Day organizzato a Milano da Schroders ha ...

Italia graziata, lo spread ringrazia

E anche per questa volta l’Italia è stata graziata. Non ci sarà nessuna procedura d’infr ...