Don’t cry for me Borsa Argentina

A
A
A
Avatar di Redazione13 agosto 2019 | 12:22

La sconfitta del presidente uscente Mauricio Macri alle primarie presidenziali di domenica in Argentina, vinte dal peronista Alberto Fernandez, in lizza con Cristina Fernandez de Kirchner, candidata alla vice presidenza alle prossime elezioni del 27 ottobre, ha affondato la borsa argentina, che ha ceduto quasi il 38% di fronte alla prospettiva di un ritorno al potere del fronte populista. Andamento ancora peggiore per le aziende argentine quotate a Wall Street, con alcuni titoli energetici crollati fra il 30 e il 40%, mentre a Milano Tenaris è stato il titolo peggiore del Ftse Mib. Anche il peso argentino ieri ha accusato una flessione fino al 30% rispetto al dollaro. Alle primarie Fernandez ha ottenuto il 48,86% dei consensi contro 33,27% per Macri e Miguel Angel Pichetto, candidato alla vice presidenza. Macri, in carica dal 2015, paga la crisi economica in cui tuttora versa il Paese, per fronteggiare la quale il governo ha dovuto chiedere aiuto all’Fmi e ha attuato misure di austerity che ne hanno minato la popolarità. Tuttavia i mercati hanno mostrato di apprezzare i primi risultati ottenuti dalle riforme di Macri.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Il Peso della crisi Argentina

Argentina contro Colombia, la Copa América si gioca anche sui mercati

Il ritorno dei Tango Bond

Ti può anche interessare

Brexit, fine della telenovela: c’è l’accordo

La telenovela è finita. Secondo quanto riportato da diverse agenzie stampa, accordo trovato fra Ue ...

Derivati, parte l’offensiva della vigilanza dopo Mifid 2

Nel mirino cfd e opzioni binarie ...

Usa-Cina, rush finale per l’accordo

Un inizio settimana roseo per le Borse europee nella fase finale delle trattative Stati Uniti-Cina ...