Cina, dazi per 75 miliardi sui prodotti USA. Borse in calo

A
A
A
Avatar di Hillary Di Lernia23 agosto 2019 | 15:33

La Cina ha risposto a Trump imponendo nuovi dazi per 75 miliardi di dollari su numerosi prodotti importati dagli Stati Uniti, comprese le auto.

E’ la risposta di Pechino, peraltro annunciata, all’annuncio del presidente americano Donald Trump dell’avvio, dal primo settembre, di dazi del 10% su 300 miliardi di dollari di importazioni cinesi.

L’annuncio ha fatto crollare le borse mondiali: Milano, così come tutte le altre piazze europee, che era in leggero guadagno in attesa del discorso del governatore della Federal Reserve sulla possibilità di un taglio dei tassi di interesse, è arrivata a perdere fino a un punto percentuale in pochi minuti.

Lo spread ha avuto solo un leggero rialzo, con 197 punti, rimanendo comunque in calo rispetto all’apertura e al di sotto della soglia dei 200 punti


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bnp e Deutsche Bank cavalcano il Dragone

Dazi, è guerra senza sosta

Dazi, la Cina risponde svalutando lo yuan

Il Dragone si mangia gli Usa

Copa America dei mercati, il Cile è una squadra su cui puntare

Trump, accordo a breve con la Cina

Cina, la regina dei mercati emergenti

Borse in affanno, Trump rompe con la Cina

Le nuove prospettive del consumatore cinese secondo Bnp Paribas AM

Usa-Cina: tensione sul filo di lana

Cina, il Dragone ha il fiato corto

Investimenti, il Dragone ci vede lungo

Dazi, trattativa per la pace tra Usa e Cina

MSIM: il peso della Cina sulla crescita globale

Ubs non ha paura dello yuan

Tasso fisso sulle ali del Dragone

Record di guadagni per la donna più ricca di Cina

Private banking, chi comanda nel mercato cinese

La Cina vieta le Ico, crollano le quotazioni di Bitcoin ed Ethereum

Gam, in Cina, è il momento di guardare alle banche e all’old economy

Rimosso Yao Gang, il re delle Ipo cinesi: era corrotto

Cina, prima condanna per manipolazione dei mercati tramite lo speed trading

Cina: crescono i ricchi, ma meno che in passato

Paperoni con gli occhi a mandorla

La Cina standardizza i BigData

Il mobile banking dilaga nella Cina rurale

La “lunga marcia” di China Rapid Finance

JD Finance pronta a camminare da sola

Non si ferma la crescita di Credit China

Nuovo crollo del Bitcoin: la colpa è ancora della Cina

“Un sospeso” da Starbucks con WeChat

Ethenea: il dollaro forte pesa sulla Cina

Fidelity: Cina, cosa porterà l’anno del Gallo

Ti può anche interessare

Il grande ritorno dei conti di deposito

I tassi lordi massimi riservati alle somme vincolate per 12 mesi sono tornati al 2%. Non accadeva da ...

Arriva il Panda Bond per fare impresa in Cina

Il Governo vuole sviluppare affari con aziende cinesi. Obiettivo svelato in occasione dell'arrivo a ...

Il “buy” del consulente – 05/11/18

I consigli giusti in diretta da Piazza Affari ...