Brexit, doppia bordata a Johnson

A
A
A
Avatar di Redazione5 settembre 2019 | 12:14

E’ una sconfitta su tutti i fronti quella incassata ieri dal premier britannico Boris Johnson. Prima l’ok alla legge anti-no deal presentata dai laburisti e approvata grazie ai voti di una ventina di Tory ribelli, poi il no alla mozione per portare il Regno Unito a elezioni anticipate. A distanza di una manciata di ore l’una dall’altra, la Camera dei Comuni infligge due sconfitte a lui e alla sua strategia di puntare dritto all’uscita di Londra dall’Ue senza accordo per costringere Bruxelles a trattarne uno nuovo. Nonostante la cocente delusione però Johnson non farà ostruzionismo contro il disegno di legge anti-no deal. L’indicazione arriva da un tweet del gruppo parlamentare dei laburisti.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, ora tutto è in mano alla Corte Suprema

Brexit, Johnson chiude il Parlamento fino al 14 ottobre

Brexit: per la May dimissioni a giugno

Brexit, rinvio indigesto per l’Unione europea

Bce, non si muove foglia sui tassi. E la Brexit si allontana

Brexit News: May promette le dimissioni se si giunge ad un accordo

Brexit: no deal scongiurato, per ora

Brexit, sterlina tonica in attesa del voto in Parlamento

Brexit, i big del credito evitano l’Italia

Brexit: ora la strada è il rinvio

Brexit, altra sconfitta per la May

Brexit affossa il pil inglese

Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

Brexit, la May vuole di nuovo trattare

Etf a prova di Brexit

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

Effetto Brexit, il mercato dei titoli di stato torna a Milano

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

Gam si prepara a una hard Brexit

Dalla Brexit alla Brentry

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

Ti può anche interessare

Consulenti, 7 spunti per un 2019 social-mantra perfetto

Il 2018 è ormai alle spalle e con l’arrivo del nuovo anno, nel lavoro così come nella vita p ...

Consulenti, cosa insegna la Cassazione

Bufi: spetta ai cf e agli operatori qualificati il ruolo fondamentale di presidio della legalità ne ...

Brexit, i big del credito evitano l’Italia

La meta più gettonata è Francoforte ...