La gufata del venerdì: tre miliardi fermi temendo il disastro negli Usa

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri6 settembre 2019 | 13:22

“La continua spinta del presidente Donald Trump per la riduzione dei tassi porterà l’economia degli Stati Uniti al disastro”. A sganciare la bomba è un noto miliardario di Chicago, Sam Zell, presidente di Equity Group Investment. Lui è un vecchio lupo di mare del risparmio gestito, che nella sua lunga carriera ha saputo accumulare una vera fortuna. Circostanza che rende preoccupante la sua decisione, da lui stesso ammessa in un’intervista alla CNBC, di tenere liquidi la bellezza di 3,2 miliardi di dollari. A chi gli chiede il motivo, lui fa spallucce: “Pensiamo che a breve ci saranno importanti opportunità, ma per il momento non vediamo l’urgenza”.

Zell dunque ha deciso di stare fermo, in attesa, probabilmente, di un tsunami pronto a travolgere i mercati mondiali. Per lui, l’ago che farà esplodere la prossima crisi saranno le pressioni di Trump sulla Fed, che, a quanto pare, si sta preparando a tagliare i tassi d’interesse di almeno un quarto di punto dall’attuale 2-2,25%. “In fondo, non è un problema che gli esperti come me e come lei non hanno mai avuto ragione su nulla?”, ha detto Zell sornione a chi lo stava intervistando. A considerare il suo patrimonio, negli affari si deve essere sbagliato di rado. Di certo, però, tutti ora sperano che la sua “gufata” sull’economia più potente del mondo non vada a segno.

Gli economisti lo chiamano il cigno nero: l’evento dalle conseguenze catastrofiche che può causare una crisi economica. Ogni giorno, i gestori vi propongono prospettive allettanti per gli investimenti e potenziali porti sicuri dei rendimenti. Noi di Bluerating abbiamo voluto ribaltare la prospettiva e inaugurare una nuova rubrica: la gufata del venerdì. Non lo facciamo perché siamo masochisti, ma, al contrario, lo vogliamo fare per esorcizzare le paure più nere che serpeggiano sui mercati. Ogni settimana selezioneremo la previsione più fosca e agghiacciante, sperando che non si avveri. Un rituale di esorcizzazione che condividiamo con tutti i consulenti finanziari.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

La gufata del venerdì: la Lagarde si auto-gufa

La gufata del venerdì: il tempo sta finendo

La gufata del venerdì: un piatto dal conto salato

Ti può anche interessare

Oro, l’ombra del crimine sui lingotti fake

Lingotti di oro purissimo, ma con impresso il marchio falsificato di note raffinerie in giro per il ...

ConsulenTia19, segui la diretta Twitter

E’ iniziata a Bologna l’edizione autunnale di  ConsulenTia19, la manifestazione organiz ...

Def, manovra da 29 miliardi. Ma resta da capire come recuperarne 7

Una manovra “espansiva” da circa 29 miliardi, di cui circa metà (14,5 miliardi) garanti ...