Brexit, ora tutto è in mano alla Corte Suprema

A
A
A
Avatar di Hillary Di Lernia17 settembre 2019 | 15:17

Un nuovo capitolo si aggiunge alla saga di nome Brexit. Oggi la battaglia legale tra il premier Boris Johnson e il parlamento britannico proseguirà presso la Corte Suprema, che dovrà decidere se la chiusura del Parlamento per 5 settimane imposta da Boris Johnson sia o meno legittima.

Come riportato da Milano Finanza, il più alto tribunale del Regno esaminerà gli appelli su due diverse cause presentate in Inghilterra e Scozia, dopo la sentenza dell’Alta Corte scozzese secondo cui la sospensione del parlamento da parte del primo ministro è illegale.

La mossa di Johnson non è piaciuta affatto ad alcuni parlamentari e attivisti che hanno visto nella sospensione del Parlamento un tentativo di impedire i dibattiti in corso sulla Brexit ed evitare quindi che venisse fatto qualsiasi progresso in merito.

Inoltre, come riferisce il Downing Street, il primo ministro britannico oggi avrebbe avuto una conversazione telefonica con la cancelliera tedesca Angela Merkel per fare il punto sul problematico obiettivo di un rinnovato accordo sulla Brexit con Bruxelles entro la data di uscita del Regno dall’Ue fissata sulla carta per il 31 ottobre. Una telefonata che arriva dopo l’esito un po’ deludente del primo incontro avuto ieri da Johnson a Lussemburgo da premier con il presidente uscente della Commissione Europea, Jean-Claude Juncker.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit e guerra dei dazi frenano i mercati

Brexit, mazzata su Johnson: “Lo stop del Parlamento è illegale”

Brexit, doppia bordata a Johnson

Brexit, Johnson chiude il Parlamento fino al 14 ottobre

Brexit: per la May dimissioni a giugno

Brexit, rinvio indigesto per l’Unione europea

Bce, non si muove foglia sui tassi. E la Brexit si allontana

Brexit News: May promette le dimissioni se si giunge ad un accordo

Brexit: no deal scongiurato, per ora

Brexit, sterlina tonica in attesa del voto in Parlamento

Brexit, i big del credito evitano l’Italia

Brexit: ora la strada è il rinvio

Brexit, altra sconfitta per la May

Brexit affossa il pil inglese

Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

Brexit, la May vuole di nuovo trattare

Etf a prova di Brexit

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

Effetto Brexit, il mercato dei titoli di stato torna a Milano

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

Gam si prepara a una hard Brexit

Dalla Brexit alla Brentry

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Ti può anche interessare

Fondi, top e flop del 19/11/18

La rubrica dedicata al risparmio gestito ...

Forbes.it punta alla leadership tra i siti maschili per brand reputation e user experience

Parte dalla supremazia della piattaforma digitale di Forbes US la nuova release del sito italiano di ...

Il Conte bis non piace ai lettori di Bluerating

Dopo che i nostri lettori si sono espressi nel precedente sondaggio (I consulenti non sono con Salvi ...