Conti correnti, come salvarsi dalla guerra al contante

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati7 ottobre 2019 | 11:51

Anche in Italia è partita ufficialmente la guerra all’uso dei contanti. Portata avanti su due fronti, come sottolinea oggi il quotidiano Mf: da un lato le misure allo studio del governo per incentivare l’uso della moneta elettronica, allo scopo di contrastare l’evasione fiscale; dall’altro l’idea delle banche di trasferire l’onere dei tassi negativi sui conti correnti dei clienti con depositi superiori ai 100mila euro, già attuata da alcuni istituti di credito europei e ventilata da noi nei giorni scorsi da Jean Pierre Mustier, presidente della Federazione Bancaria Europea e Ceo di Unicredit.

Le banche hanno però a disposizione anche uno strumento meno evidente per scaricare l’onere dei tassi negativi sui clienti: le commissioni. E infatti, nota Mf, qualche intervento in questo senso c’è già stato, ad esempio da parte di CheBanca! e Bper. In ogni caso, i clienti che non volessero accettare le nuove condizioni possono avvalersi della portabilità del conto corrente, garantita da regole europee che dovrebbero assicurare un trasloco rapido e senza ostacoli, entro 12 giorni dalla richiesta.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Conti correnti, stangata di fine anno

Conti correnti: gli Italiani sono più parsimoniosi

Cari consulenti, svegliate quei risparmi

Ti può anche interessare

ITForum 2019, la seconda giornata

Oggi, giovedì 13 giugno 2019, al Palacongressi di Rimini si svolge la seconda giornata della XXI ed ...

Btp a stelle e strisce

Il debito italiano è pronto a vestire americano. Come riporta MF, l’Italia si prepara a torna ...

Cassazione, lo Stato deve pagare l’Imu ai Comuni

Lo Stato rischia di dover pagare un salasso di alcuni miliardi ai comuni ...