Global Wealth 2019: stiamo diventando più ricchi

A
A
A
Avatar di Hillary Di Lernia22 ottobre 2019 | 14:00

Il Credit Suisse Research Institute pubblica la decima edizione del Global Wealth Report, che costituisce la fonte di informazioni più completa e aggiornata sulla ricchezza globale delle famiglie.

Lo scorso anno la ricchezza mondiale è aumentata del 2,6%, raggiungendo 360 000 miliardi di dollari, mentre la ricchezza per adulto ha toccato un nuovo record di 70 850 dollari, superando dell’1,2% il livello rilevato a metà 2018. Stati Uniti, Cina ed Europa sono i maggiori responsabili di questo incremento, con un contributo rispettivamente di USD 3800 miliardi, USD 1900 miliardi e USD 1100 miliardi.

In termini di ricchezza per adulto, la Svizzera si attesta al primo posto in assoluto (+USD 17 790), seguita da Stati Uniti (USD 11 980), Giappone (USD 9180) e Paesi Bassi (USD 9160). Guida la classifica dei perdenti l’Australia (- USD 28 670), principalmente per effetto dei tassi di cambio, seguita da altri Paesi che hanno registrato perdite significative: Norvegia (- USD 7520), Turchia (- USD 5230) e Belgio (- USD 4330).

Secondo le stime, il numero di milionari nel mondo è aumentato di 1,1 milioni di persone dal 2018, raggiungendo quota 46,8 milioni a metà 2019. Gli USA hanno contribuito per oltre il 50% a questo incremento, con 675 000 nuovi milionari che si sono aggiunti alle cifre già consistenti del Paese. La diminuzione della ricchezza media in Australia si è tradotta nella presenza di 124 000 milionari in meno, ma altrove le perdite sono risultate relativamente modeste: il Regno Unito ospita ad esempio 27 000 milionari in meno, mentre la flessione per la Turchia è stata di 24 000 persone.

I mercati emergenti , Cina inclusa, stanno assumendo sempre più importanza nell’economia mondiale e dal 2008 hanno contribuito per i due terzi all’incremento della ricchezza in termini reali – il doppio rispetto all’America settentrionale. La performance della Cina è decisamente positiva in termini di USD reale, USD corrente e Local Currency Unit (LCU).

Dal 2008 la crescita media della ricchezza in USD in termini reali in Europa è negativa, in parte a causa della contrazione dell’euro. I Paesi ad alto reddito della regione Asia Pacifico hanno un ruolo solo marginale in questo nuovo scenario, mentre il resto del mondo (compresa la maggioranza dei Paesi di Africa e America latina) si limita a compensare l’impatto negativo dell’Europa. Il rapporto esamina inoltre la relazione tra patrimonio e PIL, e rileva che nel lungo periodo i Paesi di maggiore successo sono quelli che riescono ad accumulare ricchezza come un multiplo del prodotto interno lordo attraverso la correzione delle lacune in campo istituzionale e finanziario. Questo può portare a un circolo virtuoso in cui livelli più elevati di ricchezza stimolano la crescita del PIL, che a sua volta fa aumentare la ricchezza. Cina, India e Vietnam sono esempi di attuazione di questo circolo virtuoso.

La ricchezza femminile è aumentata rispetto a quella degli uomini nella maggior parte dei Paesi, grazie a una maggiore partecipazione delle donne al mercato del lavoro, a una divisione più equa del patrimonio tra coniugi e ad altri fattori. Tradizionalmente, l’eredità ha rappresentato una fonte di ricchezza più importante per le donne che per gli uomini, in parte perché i redditi inferiori hanno limitato le possibilità di accumulo di un patrimonio proprio, in parte per la vedovanza e in parte perché le donne, che vivono tendenzialmente più a lungo, conservano i lasciti per più anni. La riduzione del flusso di patrimoni ereditati nella prima metà del ventesimo secolo ha diminuito la ricchezza relativa delle donne a causa della loro maggiore dipendenza dai lasciti ereditari.

La generazione dei Millennial invece emerge dal rapporto come un gruppo piuttosto svantaggiato. Oltre a essere stati colpiti in giovane età dalla crisi finanziaria, con la recessione e le scarse prospettive di lavoro che ne sono seguite, in molti Paesi i Millennial devono fare i conti con elevati prezzi delle abitazioni, bassi tassi d’interesse e redditi bassi, e hanno quindi maggiori difficoltà ad acquistare immobili o accumulare un patrimonio. Sostegno finanziario da parte dei genitori ed eredità possono contribuire ad alleviare i numerosi svantaggi che colpiscono questa generazione. Il previsto aumento del patrimonio ereditato si ripercuote sulla distribuzione della ricchezza e sulla diseguaglianza dei redditi nei Paesi sviluppati così come in quelli emergenti. L’eredità avrà con ogni probabilità un peso maggiore sulla distribuzione della ricchezza in futuro e finirà per intensificare le disparità provenienti da altre fonti. Quasi 63 milioni di milionari nei prossimi cinque anni Nei prossimi cinque anni la ricchezza globale registrerà un aumento del 27%, attestandosi a USD 459 000 miliardi entro il 2024. Una quota del 38% della crescita sarà ascrivibile ai Paesi a basso e medio reddito, sebbene questi rappresentino solo il 31% dell’attuale ricchezza. L’avanzata dei Paesi a medio reddito costituirà il principale driver delle tendenze globali. Nei prossimi cinque anni aumenterà sensibilmente anche il numero di milionari fino a sfiorare quota 63 milioni, mentre il numero di UHNWI raggiungerà 234 000 persone.

Anthony Shorrocks, economista e autore del rapporto, spiega: “La ricchezza mondiale è aumentata di appena il 2,6% nell’ultimo anno. Questo basso tasso di crescita è ascrivibile in parte all’apprezzamento del dollaro: utilizzando i tassi di cambio medi su 5 anni, dalla fine del 2017 la ricchezza complessiva risulta aumentata del 5,9%, mentre quella per adulto del 3,8%. Avendo a disposizione dati riferiti a quasi vent’anni, possiamo osservare due fasi distinte di crescita della ricchezza. Nei primi anni del secolo si è aperta una sorta di ‘età dell’oro’, caratterizzata da una creazione della ricchezza forte e inclusiva. La crisi finanziaria ha innescato un’inversione di tendenza, e la ricchezza non è più tornata a crescere ai livelli pre-crisi. Durante la crisi finanziaria si è verificata una profonda trasformazione, che ha portato la Cina e altri Paesi emergenti a diventare il motore della creazione di ricchezza. Intanto gli Stati Uniti sono riusciti a registrare un incremento del patrimonio per adulto per ben 11 anni di seguito”.

Nannette Hechler-Fayd’herbe, Chief Investment Officer di International Wealth Management e Global Head of Economics & Research, Credit Suisse, commenta: “Nonostante le tensioni commerciali degli ultimi 12 mesi tra Stati Uniti e Cina, entrambi i Paesi presentano solidi dati di creazione della ricchezza, con un contributo pari rispettivamente a USD 3800 miliardi e USD 1900 miliardi. Anche il numero globale di milionari è aumentato nel 2019 di 1,1 milioni fino a raggiungere Comunicato stampa Pagina 4/4 21 ottobre 2019 46,8 milioni di persone, che possiedono complessivamente un patrimonio di USD 158 300 miliardi, ossia il 44% della ricchezza globale. La Cina e altri mercati emergenti hanno contribuito in misura significativa a questa crescita, evidenziando segni di progresso e opportunità per gli investitori”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Credit Suisse, l’utile raddoppia sulla scia del wealth management

Credit Suisse, ritorno di fiamma americano per il wealth management

Credit Suisse, Vio guida l’Italia

Credit Suisse AM, ecco un nuovo portfolio manager

Wealth management, colpo grosso di Ubs

Credit Suisse: basta nuove filiali e milioni sul digital

Credit Suisse, secondo trimestre in grande spolvero

Credit Suisse toppa lo stress test della Fed

Trimestrali contrastanti per le big svizzere

Salone del Risparmio, Credit Suisse AM prosegue il Viaggio nel Futuro

Viaggio nel futuro con Credit Suisse AM

Wealth management, Spreafico passa da Indosuez a Credit Suisse

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Credit Suisse AM

Credit Suisse AG, un nuovo asso per il real estate

Bellingeri lascia iShares per Credit Suisse

Credit Suisse, altri 30 milioni in Italia

Credit Suisse, i numeri del trimestre deludono

La scure di Credit Suisse sulle banche italiane

Credit Suisse, i bond sulle ali del Dragone

Risparmio gestito, il revival della bancassicurazione

Allianz Bank, la rete ha un portafoglio in salute

Rivivi il roadshow Road to the future

Rompere gli schemi dell’asset allocation

Robotica, un fondo di Credit Suisse AM nelle polizze di Allianz

Societe Generale tende la mano ai gestori

Road to the future apre i cancelli

Credit Suisse, rendimento sulla rotta di Marco Polo

Credit Suisse, la bussola dei bond

Credit Suisse, Giacobbe coo per l’Italia

Certificati, Credit Suisse cala il tris sul Sedex

Private, Credit Suisse perde Riccucci

Credit Suisse, se ne va in Cina l’asso Chow

Credit Suisse promette dividendi più ricchi

Ti può anche interessare

Dividendi, è record mondiale

Le borse si riprendono e i dividendi globali raggiungono un nuovo record storico. Secondo la rilevaz ...

Dazi: la guerra che ammazza Wall Street

Il presidente americano, Donald Trump, ha confermato che vedrà la controparte cinese, Xi Jinping, a ...

Wealth management, Spreafico passa da Indosuez a Credit Suisse

Cambio di casacca per un manager di lungo corso ...