Mercati, arriva lo tsunami Bio-on

A
A
A
di Hillary Di Lernia 24 Ottobre 2019 | 10:41

Una vera e propria tempesta si è abbattuta su “Bio-on”, società quotata in borsa con sede a Bologna. La startup emiliana specializzata in bioplastica è finita al centro di un’inchiesta della Procura di Bologna per false comunicazioni sociali delle società quotate e manipolazione del mercato.

In totale sono 9 gli indagati, tra cui Marco Astorri, fondatore e presidente del cda, ora agli arresti domiciliari su disposizione del Gip, Guido Cicognani, socio e vice presidente, e Gianfranco Capodaglio, presidente del Collegio sindacale, sottoposti a  misure cautelari interdittive del divieto di esercitare ruoli direttivi.

L’accusa è di aver comunicato al mercato notizie false sulle condizioni economiche, patrimoniali e finanziarie della società nonché sul movimento degli affari, concretamente idonee a provocare il sensibile aumento del prezzo delle azioni”, che avrebbero fruttato “un indebito vantaggio economico per la società e loro personale”. Difatti ciò che emerge dalle indagini della magistratura è che Astorri e altre persone a lui collegate nel giro di due anni si sarebbero portati a casa guadagni personali per oltre 35 milioni di euro, tra i 25 milioni incassati dalla cessione di warrant e i 10 milioni per la vendita del 2% del capitale sociale. Risorse sequestrate agli indagati assieme al pacchetto di azioni nelle loro mani, circa altri 115 milioni di euro.

Oggi Borsa Italiana ha reso noto che i titoli della società “sono sospesi a tempo indeterminato dalle negoziazioni”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Le prospettive di Bio On

L’economia reale che rilancera’ l’Italia dal 2018

Borsa Italiana lancia l’AIM Italia Conference a Londra

NEWSLETTER
Iscriviti
X