M&G, le riflessioni del Bond Vigilantes forum

A
A
A
Avatar di Hillary Di Lernia31 ottobre 2019 | 08:30

E’ innegabile che lo scenario che gli investitori obbligazionari si trovano ad affrontare non sia affatto semplice, anche a causa del rialzo del prezzo dei bond con conseguente difficoltà nel trovare interessanti opportunità di rendimento. Ma è proprio questo che rende il settore particolarmente sfidante.

Di questo si è parlato durante il Bond Vigilantes Forum di M&G Investments, il tradizionale evento annuale dell’asset manager internazionale, focalizzato sul comparto obbligazionario e rivolto ad un pubblico di investitori professionali e consulenti finanziari.

Per l’occasione, Bluerating ha avuto l’opportunità di intervistare Carlo Putti, investment director del Team Fixed Income di M&G, il quale ha approfondito l’allocation del fondo M&G (Lux) Global Floating Rate High Yield e le principali opportunità da rintracciare nel mercato globale delle obbligazioni high yield a tasso variabile.

Il fondo M&G Global Floating Rate High Yield è un fondo che investe a livello globale, investe in titoli floating rate ovvero a tasso variabile, e investe in titoli high yield quindi sussiste un rischio di credito del portafoglio ma l’elemento che lo distingue da un normale mercato high yield è la seniority, nel senso che il grosso dei  titoli in cui investiamo sono senior garantiti, sono in cima alla capital structure e di conseguenza questo li porta ad avere una volatilità inferiore. Dunque il mercato sa che questi sono titoli che anche in caso di default avranno comunque un tasso di recupero maggiore.” – ha affermato Putti, che ha aggiunto – “L’idea di questo portafoglio è di fornire agli investitori un fondo che sia in grado di giocare sul mercato high yield ma in maniera più cauta, in particolare difendendosi da due dei rischi principali: il primo è il rischio di duration (il fondo ha una duration vicina allo zero) e il secondo è l’elevato rischio di credito tipico del mercato High Yield (il fondo è prevalentemente investito in titoli senior garantiti).”

Nonostante le evidenti difficoltà del mercato obbligazionario, per Carlo Putti ci sono ancora molte opportunità da sfruttare. “Quando andiamo a vedere più nel dettaglio il mercato high yield vediamo molta dispersione dei rendimenti, soprattutto la grande divergenza che c’è stata tra la singola B e doppia B. Quindi noi oggi in termini di opportunità, ne vediamo meno sul mercato delle doppie B, ma ne vediamo di più sul mercato della singola B. A livello di regione non vi è una sostanziale differenza tra USA e Europa, anche se abbiamo una leggera preferenza per il mercato americano, dato che troviamo più liquidità rispetto al contesto europeo.  A livello di settori, abbiamo una preferenza per quelli più difensivi rispetto a quelli ciclici”.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

L’Intelligenza artificiale? Meglio la realta virtuale

I risultati di una ricerca di Osborne Clarke sulle preferenze dei manager ...

Donald Trump vuole comprare la Groenlandia

Alla Casa Bianca piacciono i ghiacci della Groenlandia. In base a quanto scrive il Wall Street Journ ...

Mercati globali, la Bce lancia l’allarme

Brexit e manovra di bilancio italiana. Sono i due fattori che possono destabilizzare i mercati secon ...