Dazi, gli Usa trattano la revoca su 112 miliardi di merci cinesi

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati 6 Novembre 2019 | 12:18

Stati Uniti e Cina trattano una tregua nella guerra dei dazi: stando al Financial Times, che cita fonti vicine alla trattativa, Washington potrebbe rimuovere la tassazione del 15% imposta lo scorso primo settembre su circa 112 miliardi di beni cinesi importati tra cui abbigliamento, elettrodomestici e monitor a schermo piatto, proprio su richiesta di Pechino. Una concessione che seguirebbe l’accordo parziale che di fatto già questo mese ha bloccato l’escalation dello scontro commerciale fra i due Paesi. In cambio, la Cina sarebbe disposta a fare concessioni sulla protezione della proprietà intellettuale per le società statunitensi e a fornire garanzie sull’entità degli acquisti di prodotti agricoli statunitensi.

L’intesa dovrebbe essere siglata nelle prossime settimane tra Donald Trump e Xi Jinping, nonostante la cancellazione del previsto vertice Apec in Cile che avrebbe dovuto ospitare la firma del patto fra i due leader. Martedì il presidente cinese, all’inaugurazione del China International Import Expo di Shanghai ha usato toni distensivi: “Dobbiamo abbattere i muri, non erigerli”, ha detto, mentre i mercati festeggiavano con un rally in Europa e rialzi record a Wall Street, e lo yuan si rafforzava scendendo, per la prima volta dai primi di agosto, sotto quota sette sul dollaro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Dazi, l’Italia chiede la grazia

Brexit e guerra dei dazi frenano i mercati

Dazi, mazzata al made in Italy

Ti può anche interessare

Oggi su BLUERATING NEWS: cf, guadagnare dopo la pensione

Tutte le notizie e i protagonisti della giornata ...

Bluerating Awards 2019: IWBank PI, ecco i cf in nomination

Consulenti di fama, area manager e giovani talenti. Fra qualche settimana saranno premiati a Milano ...

Banca Mediolanum, i Doris si rafforzano

La partecipazione nella banca detenuta dal patto della famiglia sale al 40,3% dei diritti di voto. ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X