Brexit e accordo USA-Cina tengono in allerta i mercati

A
A
A
Avatar di Redazione16 dicembre 2019 | 13:07

A cura di Massimiliano Carrà

Brexit e dazi. Sono stati loro i principali protagonisti della seduta di Borsa di venerdì 13, ultima della scorsa settimana. Ma andiamo con ordine. Venerdì il premier inglese Boris Johnson, leader dei Conservatori ha stravinto le elezioni nel Regno Unito conquistando 365 seggi su 650, cosa che non succedeva – secondo il report di Goldman Sachs – dal 2001. Questo di conseguenza nel Regno Unito ha confermato che i cittadini britannici vogliono la Brexit e a breve finalmente dopo diversi anni potranno ottenerla.

L’attenzione dei mercati per il risultato delle elezioni nel Regno Unito e per la Brexit però è durato poco. Qualche ora dopo il focus è tornato inevitabilmente sui dazi e sullo scontro commerciale in atto tra Stati Uniti e Cina. Infatti, il Presidente americano Donald Trump con un tweet sul suo profilo personale ha prima definito falsa la notizia della chiusura dell’accordo con il Paese orientale e poi ha cercato di raddrizzare il tiro in serata.

Questo quando le due amministrazioni hanno annunciato di aver siglato la Fase 1 dell’accordo e che i dazi da 156 miliardi di dollari previsti per domenica 15 dicembre non sarebbero entrati in vigore.

La chiusura delle Borse venerdì 13 dicembre

Per le borse mondiali venerdì 13 è stata una giornata molto particolare. L’Hang seng di Hong Kong ha guadagnato il 2,57%, tutte le altre dopo un inizio molto positivo hanno iniziato a rallentare per due motivi. Il primo riguardo proprio la vittoria di Johnson, in quanto lo scenario della Brexit inevitabilmente fa ricadere il Regno Unito in un vortice futuro di accordi commerciali e legali con l’Unione Europea. Il secondo motivo invece riguarda i dettagli dell’accordo tra Stati Uniti e Cina che secondo molti è risultato poco definito e diverso dalle attese dai mercati, proprio per questo Wall Street ha cominciato a tentennare. Di conseguenza investitori per tutelarsi hanno preferito acquistare di nuovo oro e obbligazioni.

L’andamento delle Borse mondiali nel 2019

Nonostante il rallentamento avvertito venerdì 13, i principali indici di Wall Street stanno continuando a segnare massimi storici. Da inizio anno per esempio l’S&P500 ha registrato un rialzo del 29,7%, il Nasdaq il 34,86%”. Anche le principali borse mondiali stanno correndo. Da inizio anno per esempio l’Eurostoxx50 ha guadagnato il 24%, il nostro FTSE MIB il 20% e la borsa di Zurigo è cresciuta del 27,4%. Il record europeo l’ha fatto segnare però il listino di Atene facendo registrare un performance positiva del 45,5%.

Guardando l’Oriente. A Tokyo il Nikkei ha registrato una crescita del 23%, Shangai e Hong Kong, nonostante le tensioni sui dazi e gli scontri in città, hanno fatto segnare rispettivamente una crescita del 20% e del 10%.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Guerra dei dazi, mossa distensiva Usa in vista dell’accordo

Bnp e Deutsche Bank cavalcano il Dragone

Dazi, è guerra senza sosta

Cina, dazi per 75 miliardi sui prodotti USA. Borse in calo

Dazi, la Cina risponde svalutando lo yuan

Il Dragone si mangia gli Usa

Copa America dei mercati, il Cile è una squadra su cui puntare

Trump, accordo a breve con la Cina

Cina, la regina dei mercati emergenti

Borse in affanno, Trump rompe con la Cina

Le nuove prospettive del consumatore cinese secondo Bnp Paribas AM

Usa-Cina: tensione sul filo di lana

Cina, il Dragone ha il fiato corto

Investimenti, il Dragone ci vede lungo

Dazi, trattativa per la pace tra Usa e Cina

MSIM: il peso della Cina sulla crescita globale

Ubs non ha paura dello yuan

Tasso fisso sulle ali del Dragone

Record di guadagni per la donna più ricca di Cina

Private banking, chi comanda nel mercato cinese

La Cina vieta le Ico, crollano le quotazioni di Bitcoin ed Ethereum

Gam, in Cina, è il momento di guardare alle banche e all’old economy

Rimosso Yao Gang, il re delle Ipo cinesi: era corrotto

Cina, prima condanna per manipolazione dei mercati tramite lo speed trading

Cina: crescono i ricchi, ma meno che in passato

Paperoni con gli occhi a mandorla

La Cina standardizza i BigData

Il mobile banking dilaga nella Cina rurale

La “lunga marcia” di China Rapid Finance

JD Finance pronta a camminare da sola

Non si ferma la crescita di Credit China

Nuovo crollo del Bitcoin: la colpa è ancora della Cina

“Un sospeso” da Starbucks con WeChat

Ti può anche interessare

Nuova Bce, Weidmann in pole

Il completamento delle elezioni europee segna l’inizio di una fase cruciale per le nomine nell ...

CheBanca!, le fee e gli incentivi ai consulenti

Nella relazione sulla remunerazione della capogruppo Mediobanca vengono esposte le politiche retrib ...

Esg in stile BlackRock

Il mondo della finanza sta correndo sempre più spedito verso la tappa della sostenibilità. E, anch ...