Consulenti finanziari, tutti gli obiettivi del Banco Desio

A
A
A

Parla Roberto Moretti responsabile della direzione private banking e cf : “Puntiamo sulla sinergia tra banca e rete”

Francesca Vercesi di Francesca Vercesi24 dicembre 2019 | 10:36

Banco Desio prosegue con l’ampliamento della rete di consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede. Negli ultimi mesi sono entrati a far parte della struttura cinque professionisti: Nella rete sono entrati Filippo Schiattelli a Città di Castello, Armando Barco a Casale Monferrato, Franco D’Amico a Terni, Cristina Lombardi a Voghera. Ne parliamo con Roberto Moretti (nella foto), responsabile della direzione private banking e consulenti finanziari del Banco Desio.

Come procede la sinergia tra banca tradizionale e rete di consulenza?
Il riscontro che abbiamo sul territorio conferma come l’integrazione con la banca tradizionale, con tutte le sinergie e efficienze che possono derivarne, viene molto apprezzata dai professionisti che incontriamo ogni giorno. Poter disporre dell’intero catalogo di prodotti e di servizi della banca rappresenta un valore per i consulenti che, grazie agli specialisti di settore presenti nelle filiali, possono garantire soluzioni qualificate e tempestive alla propria clientela.

Scendendo nel dettaglio?

Nella gestione dei risparmi, i consulenti finanziari possono contare su accordi diretti con oltre 20 case di investimento nazionali e internazionali in totale assenza di conflitti di interesse e su un servizio di gestioni patrimoniali completo direttamente realizzato da un qualificato team interno. I cambiamenti socio demografici e di mercato hanno acceso il faro anche sulla necessità di protezione del patrimonio accumulato e su uno degli asset più importanti da tutelare: la continuità di reddito familiare; in questo contesto i consulenti possono disporre dell’intera gamma di coperture assicurative del gruppo Helvetia, compagnia svizzera leader nel ramo vita e danni.

Su cosa d’altro può contare il consulente in Banco Desio?

 

Può contare sull’intero mondo dei finanziamenti tradizionali o sostenuti da leggi speciali, sui prestiti personali,
il servizio di cessione del quinto. E ora anche su leasing e factoring (anche pro soluto), tutti servizi realizzati direttamente con proprie divisioni interne. I clienti con esigenze più complesse, spesso legate a eventi particolari del loro life cycle (acquisto
o vendita dell’azienda, trasmissione dei patrimoni), vengono invece assistiti attraverso collaborazioni con strutture esterne che fanno della specializzazione la loro caratteristica principale in stile family office. La possibilità di accedere a un universo di prodotti e servizi così ampio mette il consulente che sceglie il Banco nella condizione migliore
per proporsi come un interlocutore completo in grado di rispondere a ogni esigenza, sia attuale sia futura, del cliente e del suo nucleo familiare sia per la sfera personale sia aziendale.

 


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Guerra dei dazi, tregua di Trump sulle auto

Donald Trump avrebbe deciso di far slittare la decisione sulle tariffe sulle auto di sei mesi. L'ann ...

Banche, ecco cosa cercano i clienti

Quattro personaggi in cerca di fintech e qualità. Una survey Global Financial Services Consumer Sur ...

Btp, rendimenti ai minimi

I rendimenti dei Btp decennali sono ai minimi da ottobre 2016, all’1,55% contro il 2,74% toccato i ...