Fondi di investimento, nuovo comparto sugli npl per Algebris

A
A
A
Avatar di Redazione12 febbraio 2020 | 11:34

Algebris annuncia il lancio di Algebris NPL Fund III, il terzo fondo dedicato agli investimenti in non-performing loans, crediti in sofferenza degli istituti bancari in Italia, facendo leva sul consolidato track record dell’Algebris NPL Fund I e Algebris NPL Fund II nonchè su un mercato ancora favorevole.

Negli ultimi 5 anni Algebris si è collocata tra i leader di mercato nel settore relativo a sofferenze e UTP immobiliari: ad oggi, la società ha investito in crediti in sofferenza assistiti da garanzie reali per un valore di libro di 3,7 miliardi di euro attraverso 112 operazioni concluse con 37 controparti, consolidando una quota di mercato pari a circa il 20%.

Algebris NPL Fund III è un fondo d’investimento di diritto lussemburghese destinato a investitori istituzionali; avrà durata di 6 anni, incluso un periodo di investimento di 3 anni. Il nuovo fondo si propone di raccogliere 1 miliardo di euro nei prossimi 12 mesi, e ha già commitments firmati per circa 125 milioni di euro e interesse espresso per circa 500 milioni di euro dai principali investitori istituzionali globali.

Come i due precedenti fondi NPL, anche l’Algebris NPL Fund III investirà principalmente in crediti in sofferenza assistiti da garanzie di primo grado su immobili di tipo residenziale e commerciale e su hotel situati in località di prestigio dell’Italia centro-settentrionale.

L’Algebris NPL Fund III è gestito dal team di investimento di Algebris specializzato in NPL, guidato da Gabriele Giorgi e Antonella Di Chio e composto da 6 professionisti qualificati con elevate competenze nei settori finanziario e immobiliare, che opera in stretta collaborazione con Algos, lo Special Servicer interamente controllato da Algebris e costituito nel 2019 a supporto degli investimenti in ambito NPL.

Con un team di professionisti che vantano un’esperienza di oltre trent’anni negli NPL combinata a una notevole conoscenza del mercato immobiliare, Algos consente un perfetto allineamento con gli investitori e la piena integrazione tra i team di investimento e di recupero, garantendo anche un considerevole risparmio in termini di servicing fee e di costi di due diligence. Algos ha inoltre portato a termine con successo l’internalizzazione delle attività di recupero dei fondi Algebris NPL Fund I e Algebris NPL Fund II, affinchè anche gli investitori nei primi fondi lanciati potessero beneficiare di tale integrazione.

Davide SerraFondatore e Amministratore Delegato di Algebris, commenta: “Riteniamo che questa asset class abbia un profilo di rischio-rendimento unico, con un downside risk ridotto e rendimenti ancora interessanti. Con Algos avremo presto 40 professionisti interamente dedicati al settore NPL. L’internalizzazione dell’attività di servicing favorirà ulteriormente la nostra competitività, con benefici significativi per i ritorni dei nostri investitori.”


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Italia, lo spread torna sui massimi

Non c’è tregue per la spinosa questione dello spread. Il dato si mantiene abbondantemente sop ...

Tinaba, in 3 anni bruciati 20 milioni

La app di pagmenti digitali lanciata da Arpe chiude anche il 2018 in perdita. Che si aggiunge ai pre ...

Mercati, arriva lo tsunami Bio-on

Una vera e propria tempesta si è abbattuta su “Bio-on”, società quotata in borsa con sede a B ...