Bce, contro la pandemia torna buono il bazooka

A
A
A
Avatar di Redazione 19 Marzo 2020 | 09:15
La banca centrale rompe gli indugi e vara un nuovo quantitative easing da 750 miliardi di euro.

La Bce ci ha messo poco a fare marcia indietro da un approccio più cauto. Con l’aggravarsi della situazione, adesso l’istituto guidato da Christine Lagarde rispolvera il bazooka e, dopo una riunione d’emergenza in nottata del direttivo, ha varato un nuovo quantitative easing di dimensioni importanti: 750 miliardi di euro di titoli da acquistare per sconfiggere l’emergenza economica innescata dal coronavirus.

Dopo una settimana di polemiche seguite alla frase di Lagarde (“Non siamo qui per chiudere gli spread”) e al crollo delle borse per il piano, giudicato deludente dai mercati, di procedere all’acquisto di 120 miliardi di titoli in più, ora da Francoforte è arrivato il momento della presa di coscienza: “Non ci sono limiti all’impegno della Bce per l’euro”, è stata la frase della banchiera centrale. Il programma di acquisti è stato ribattezzato “Pandemic Emergency Purchase Programme”. E durerà “finché la Bce non giudicherà che la crisi del Covid-19 è finita, ma in ogni caso non terminerà prima di fine anno”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Bce: acquisti invariati, la spesa fiscale determinerà la crescita

Mercati, Bce: le previsioni di analisti e gestori

Bce, analisi Trim: le banche hanno sottovalutato i rischi

NEWSLETTER
Iscriviti
X