Coronavirus, Baretta: “Per Dl Imprese, le banche diano una mano”

A
A
A
Avatar di Redazione 8 Aprile 2020 | 11:30

Per l’accesso all’iniezione di credito per l’emergenza coronavirus, varata ieri dal Governo con il Dl Imprese “c’è una data, il 31 dicembre 2019, fa da spartiacque. Se in questa data l’azienda era in bonis, si può accedere ai prestiti anche se in questi mesi c’è poi stata una situazione di concordato”.

Lo indica il sottosegretario all’Economia, Pier Paolo Baretta, a 24Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24.

E’ una operazione “notevole”, che riguarda “l’intero sistema produttivo”- e continua a Radio 24 –  “Per fortuna le imprese sono in bonis, la grande maggioranza”. Interventi mirati, ad esempio anche per il settore del turismo?  “Si, arriveranno, ma adesso abbiamo preferito un intervento generalizzato”- e continua a Radio 24 – “La discussione sulla Sace non riguarda i tempi e modalità di erogazione ma la filiera di intervento, la conclusione è molto chiara: ci sono 200 miliardi per le imprese interne e 200 miliardi per le imprese che lavorano all’estero, e comunque la Sace è il canale principale”.

Per il funzionamento dell’intero meccanismo, sottolinea poi Baretta, “ovviamente c’è un ruolo delle banche. Bisogna che le banche diano una mano e siano molto coerenti”. Il tasso di interesse sarà intorno “allo 0,2, 0,3%”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Per i fondi di private debt la pandemia è un vero affare

Coronavirus, le questioni sociali guideranno i cambiamenti aziendali

Consulenti, il coronavirus sarà letale per la globalizzazione?

AcomeA SGR: “Coronavirus, un’opportunità per investire in Italia”

Consulenti, la mossa vincente contro il coronavirus

Coronavirus, il consulente che ha vinto la malattia

Consulenti, prestate attenzione all’eurozona

Consulenza finanziaria: 3 argomenti da trattare coi clienti ai tempi del coronavirus

Consulenti, il Coronavirus non ferma le radiazioni

Coronavirus, la crisi finanziaria di Marzo 2020 è la più rapida della storia

Coronavirus, Intesa Sanpaolo porta a 50mld le risorse per l’Italia

Consulenti, quale via di uscita dal Coronavirus?

Coronavirus, Banca Generali dalla parte delle aziende in difficoltà

La lettera di Fineco ai suoi clienti durante l’epidemia di coronavirus

Consulenti, le banche unite contro il Covid-19

Coronavirus, siamo alla fine dell’inizio?

Consulenti, quali opportunità nella Cina post Coronavirus

Coronavirus e banche, il dividendo non si tocca (per ora)

Coronavirus, scure di Moody’s sull’outlook di 15 banche italiane

Consulenza finanziaria: come gestire 4 clienti tipo durante l’emergenza coronavirus

Consulenti, la vera natura del Coronavirus

Coronavirus, Credem punta sulla qualità degli attivi

Coronavirus, 12 misure per i consulenti

Coronavirus, il gestito non chiude

Coronavirus, 5 milioni di aiuti da Ubi

Coronavirus, i sindacati bancari chiedono la chiusura delle agenzie

Consulenza finanziaria: come stare vicino ai clienti al tempo del coronavirus

Coronavirus, è il momento di investire sulle banche

Coronavirus, bazooka Fed: tassi a zero

Coronavirus, Kairos: noi compriamo azioni

Coronavirus, la ricetta del consulente

Coronavirus, nonna cerca di truffare le Poste

Coronavirus e consulenza, la voce degli assistenti inascoltati

Ti può anche interessare

Borse, il governo rivuole Piazza Affari

Il risiko borsistico che vede protagonista in queste settimane il gruppo London Stock Exchange, che ...

Coronavirus, l’ottimismo di Doris

Lettera del presidente di Banca Mediolanum: “ci sarà la ripresa. E gli investitori approfittino d ...

Borsa Italiana, la Consob vieta le vendite allo scoperto per tre mesi

La Consob interviene in modo ancor più deciso sulle vendite allo scoperto. Infatti, dopo i provvedi ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X