Bce: è super Lagarde, ma occhio all’high yield europeo

A
A
A
Avatar di Redazione 5 Giugno 2020 | 09:11
La presidente accelera sull’acquisto emergenziale di titoli oltre le attese dei mercati. Il punto sullo conseguenze dell’intervento a cura di Wolfgang Bauer, fund manager del Public Fixed Income team di M&G Investments.

Non trattenete il fiato in attesa di nuovi tagli dei tassi. La BCE ha detto chiaramente ieri che il PEPP (Pandemic Emergency Purchase Programme) è lo strumento scelto per affrontare le conseguenze economiche del Covid-19. In effetti, l’aumento dei volumi di acquisto del PEPP pari a 600 miliardi di euro, per una somma totale pari a 1.350 miliardi, annunciato ieri, ha superato le già alte aspettative dei mercati. Inoltre, l’orizzonte per gli acquisti netti tramite PEPP è stato esteso almeno fino a giugno 2021. Di contrasto, i tassi di interesse e gli acquisti netti tramite APP (Asset Purchase Programme), rimasti invariati, stanno chiaramente giocando un ruolo di secondo piano.

Dalla prospettiva dell’Eurotower, dare enfasi agli acquisti PEPP ha senso, naturalmente. Dato l’elevato livello di incertezza sulle prospettive economiche e inflative in questa fase, la flessibilità è cruciale. E proprio questo è ciò che distingue il PEPP dagli altri programmi di acquisto. Quando il gioco si fa duro, la BCE potrebbe deviare dagli acquisti basati sul capital key e, per esempio, indirizzarli ai titoli di Stato dei Paesi della periferia dell’Eurozona. Di conseguenza, i mercati obbligazionari ieri hanno appreso la notizia dell’ampliamento del PEPP come segnale positivo per i BTP italiani, con lo spread rispetto al Bund che è sceso di circa 20 punti base dopo l’annuncio.

Tuttavia, la BCE ha tirato il freno sulla flessibilità per quanto riguarda la qualità del credito degli acquisti di bond societari. Nel meeting odierno, il presidente Lagarde ha chiarito che la BCE non è pronta a oltrepassare il Rubicone, quando si parla di acquisti di bond con rating inferiore all’Investment Grade, almeno per ora. Considerando il forte rally degli spread sul credito high-yield europeo rispetto ai livelli di marzo – l’iTraxx Xover è sceso di oltre 700 punti base a circa 375pb – potrebbe essere il momento di ridurre l’esposizione e realizzare un po’ di profitti. L’assenza del supporto tecnico legato agli acquisti della BCE potrebbe rendere questa classe di attivi vulnerabile a qualsiasi peggioramento della crisi Covid-19 o a dati macroeconomici peggiori delle attese.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bce, Sileoni (Fabi) attacca i favori concessi alle banche tedesche

Bce, contro la pandemia torna buono il bazooka

La Bce delude le attese, i mercati sprofondano

Banche, ecco le pagelle della Bce

Interessi negativi, euro botta da 25 miliardi per le banche

Bce, la Lagarde non tocca i tassi e continua il Qe

Le banche italiane aumentano la liquidità con il tiering della Bce

Bce, scatta il tiering

Bce, il commiato di Draghi

Draghi, l’ultimo ruggito: tasso depositi a -0,50%, torna il Qe

Banche, attacco alla Bce

Bce: banche, preparatevi all’hard Brexit

Eurobond, l’apertura di Lagarde

Bce, il bazooka spinge in borsa i titoli di banche e reti

La gufata del venerdì: la Bce ha il cannone scarico

Bce: tassi fermi ma serve sostegno

Nomine Ue, accordo per Lagarde alla Bce

Fed, Powell prepara il taglio dei tassi

Bce, Draghi rispolvera il cannone

Fed, i mercati si aspettano il taglio dei tassi

Bce, Draghi tira le orecchie al governo

Nuova Bce, Weidmann in pole

Bce, non si muove foglia sui tassi. E la Brexit si allontana

Btp, rendimenti giù sull’onda Bce

Day after Bce, titoli bancari col fiato corto

La Bce defibrilla l’economia: tassi invariati e nuovi prestiti alle banche

Draghi: nubi sull’Europa

Banche italiane nella morsa Bce: diktat sugli Npl

Mercati globali, la Bce lancia l’allarme

L’italiano Enria guiderà la Vigilanza bancaria europea

Manovra, il governo cerca una difficile pace con la Commissione

Manovra, arriva anche la bastonata di Draghi

Banche, si avvicina il novembre nero

Ti può anche interessare

I giovani hanno fame di consulenza

L'utilizzo degli strumenti digitali è importante, a patto che vada di pari passo con la consulenza ...

Esg, quanta strada deve ancora fare

I risultati di uno studio di Equità sui temi della sostenibilità nelle politiche di investimento d ...

La settimana dei mercati: Fed, un elefante nella cristalleria dei mercati obbligazionari

Una sintesi ragionata della settimana finanziaria appena conclusa. A cura di Mark Dowding, CIO di B ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X