Mercati, c’è aria di M&A nei settori Technology e Telecom

A
A
A
Avatar di Redazione 8 Giugno 2020 | 11:12
Il rapporto di PwC sulle operazioni avvenute nel 2019 e un’occhiata a quanto succederà nel 2020 nei segmenti Technology, Media e Telecom.

Sono 120 le operazioni annunciate nel settore TMT nel corso del 2019 – con un incremento del 14% sull’anno precedente. In testa il segmento Technology sia per aumento del numero di operazioni (+17) che per numero totale delle transazioni (c. 80%). Il comparto Telecom seppur in flessione in termini di numero di operazioni, registra l’operazione più rilevante in termini di valore, con la fusione delle Torri di Vodafone in Inwit (€ 5.3mld).

Questi i dati inclusi nell’ultima edizione dello studio di PwC M&A Trends 2019 e Outlook 2020 per i TMT Markets in Italia.

Secondo il report, nel 2019 gli investitori strategici si confermano i più attivi in termini di numero di operazioni (94, pari a circa il 78% del totale).  Aumentano le transazioni domestiche, grazie al crescente interesse degli investitori strategici nazionali, che nel 2019 hanno completato 77 operazioni sul territorio (rispetto alle 60 del 2018); si riducono invece le operazioni con controparti estere inbound (-16).

Le operazioni più rilevanti includono (target/acquirente): Vodafone Towers / Inwit (deal value € 5.3mld), Prosibien /Mediaset, Persidera / F2i-Ei Towers (deal value €240m), Vivaticket / Investcorp e Gruppo PA / Retelit.

I multipli medi EV/EBITDA delle transazioni annunciate nel 2019 si attestano in un range compreso tra 6,0x del comparto Media a 9,0x del comparto Telecom; il comparto Technology ha registrato un multiplo medio di 7,6x. La transazione relativa alle Torri TLC Vodafone / Inwit ha registrato un multiplo di circa 24x. In media, i multipli pagati dagli investitori strategici sono risultati più alti di quelli degli investitori finanziari (7,7x vs 7,0x). L’incertezza del Covid-19 avrà tuttavia ricadute negative su multipli e valutazioni aziendali.

COVID-19: impatti previsti per il 2020

Il Covid-19 ha avuto molteplici effetti sul settore TMT. Il comparto Media è stato quello maggiormente colpito poiché dipende in misura maggiore da investimenti pubblicitari e da eventi di aggregazione (e.g. sport, cinema, teatri). Vi sono state però alcune eccezioni positive per la crescente domanda di contenuti multimediali (OTT video, video games, music/podcast). Per il futuro il comparto Media dovrà puntare su innovazione e creatività per produrre contenuti innovativi al fine di incrementare audience e migliorare la customer experience nell’uso di piattaforme multimediali, nonchè identificare nuovi modelli di subscription ed advertising.

I segmenti Technology e Telecom sono più resilienti, ed hanno avuto un ruolo centrale nell’emergenza Covid-19, con software, tecnologie e reti a supporto del remote working, e-learning, e-commerce, e-health.

Il Covid-19 ha posto tra i temi centrali dell’agenda politica l’accelerazione dello sviluppo delle reti in fibra e riduzione del digital divide in Italia.

Tra i temi di maggior rilevanza anche il cybersecurity, per le crescenti minacce di attacchi informatici in un contesto di maggior complessità di sistemi di comunicazione e livello di digitalizzazione.

Analisi M&A per segmento:

  • Technology – Il comparto del Technology si conferma tra i più attrattivi all’interno del TMT: 95 operazioni nel 2019 rispetto alle 77 annunciate nel 2018. Cresce l’interesse degli investitori strategici che hanno concluso 75 transazioni nel corso del 2019. Tra le opportunità future di M&A quelle per acquisire nuove tecnologie e consolidare segmenti più frammentati (e.g. system integration); gli investitori finanziari avranno un ruolo chiave nelle strategie di buy and build.
  • Media – Le operazioni annunciate nel segmento Media nel 2019 (18) sono in linea col precedente periodo, con le transazioni più rilevanti in ambito TV broadcasting (per alleanze e aggregazioni) ed editoria (per exit dai business maturi).  Nonostante l’impatto negativo del Covid-19 per calo degli investimenti pubblicitari e sospensione delle attività di aggregazione, nel segmento potranno esserci opportunità di M&A per acquisire tecnologie (e.g. AR, VR) per migliorare customer experience di piattaforme multimediali, per cessione di business maturi ed alleanze nel comparto produzioni televisive.
  • Telecom – Tra le transazioni annunciate nel 2019 (7), la più rilevante in termini dimensionali è l’operazione di  fusione delle Torri di Vodafone in Inwit (€ 5.3mld); per il futuro nel segmento si prevedono operazioni di M&A in ambito infrastrutturale (e.g. fibra, cloud infrastructure, torri).

 

Giuseppe Rana, Partner PwC e TMT Deals Leader, commenta: “Superati gli impatti ed incertezze legate al Covid-19, il settore TMT avrà prospettive di crescita futura con lo sviluppo di reti di nuova generazione, nuove piattaforme e tecnologie abilitanti nuovi stili di vita e di consumo. Gli investitori guarderanno con sempre più interesse un settore che avrà un ruolo fondamentale nell’accelerare il processo di digital transformation del paese”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, il FinTech ai tempi del Covid-19

Sgr, la rivoluzione è dietro l’angolo

Risparmio gestito, la mattanza delle fee

Ti può anche interessare

Caso Lambri, arriva la sospensione cautelare di Ocf

Negli ultimi giorni è finito sotto i riflettori della cronaca nazionale il caso della consulente fi ...

Bnl Bnp Paribas LB, foto racconto della convention

“Life Banker Days” è stata la convention che la Rete di consulenza finanziaria di BNL-BNP Pari ...

La gufata del venerdì: un piatto dal conto salato

Non ci si può permettere di stare tranquilli nemmeno sul cibo. Per gli esperti di Nomura, infatti, ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X