Consulenti, attenzione alle mille sfumature dei green bond

A
A
A
Avatar di Redazione 27 Agosto 2020 | 09:17

Il piano di salvataggio dell’Unione Europea fornirà un impulso notevole a un mercato già florido come quello dei green bond e di altri strumenti che promuovono la sostenibilità. Però attenzione investitori: il verde ha mille sfumature. Ne parlano Stéphane Rüegg, senior client portfolio manager e Eric Borremans, senior sustainability analyst di Pictet Asset Management.

 

Il mercato dei green bond, le cosiddette “obbligazioni verdi”, è in pieno sviluppo. Ed è destinato a ingrandirsi, dato che sempre più società, governi e multinazionali cercano di raccogliere fondi per realizzare progetti ecocompatibili e che gli investitori sono attratti da questi attivi. Per esempio, oltre il 30% del Recovery Plan da 750 miliardi di euro lanciato dall’Unione Europea è stato destinato a progetti “verdi”. Ma come per ogni nuovo tipo di investimento, i green bond nascondono molte potenziali trappole – non ultimo perché molti di loro non sono verdi come vogliono far credere. Aiutare il mondo a compiere una svolta ambientale Di norma, i green bond vengono emessi per finanziare progetti specifici che contribuiscono a ridurre le emissioni di gas serra, come le infrastrutture per l’energia rinnovabile, o che aiutano Paesi e aziende ad adattarsi al cambiamento climatico, ad esempio proteggendo le aree costiere dall’innalzamento del livello dei mari. Vengono emessi con disposizioni che regolano l’utilizzo delle risorse raccolte e tendono ad assumere il rating dell’emittente. Fanno parte dell’universo degli investimenti ESG, ossia legati alle tematiche ambientali, sociali e di governance – strategie di investimento la cui crescente popolarità è stata premiata negli ultimi tempi da ottimi rendimenti, soprattutto durante la pandemia di COVID-19. Ed è bene che sia così. Gli investimenti legati all’ambiente e al clima assumeranno un’importanza sempre maggiore nel corso dei prossimi anni. Gli studiosi della Oxford University ritengono che un cambiamento climatico incontrollato potrebbe costare all’economia globale circa il 30% del PIL potenziale pro-capite entro il 2100. Si stima che, per limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi centigradi dai livelli pre-industriali, serviranno investimenti da 1600 a 3800 miliardi di dollari ogni anno fino al 2050. Può sembrare un dato poco realistico, ma il denaro c’è. Ad esempio, nel 2015, i finanziamenti globali per i combustibili fossili ammontavano a 5000 miliardi di dollari. Quello stesso anno, lo stanziamento totale per il clima è stato di solo 481 miliardi di dollari. Con la diffusione degli investimenti ESG, i green bond guadagneranno importanza. 02 Un fiorire di obbligazioni Le “obbligazioni verdi” esistono da meno di dieci anni. Sono state emesse per la prima volta dalla Banca Europea per gli Investimenti (BEI) nel 2007, come iniziativa di sensibilizzazione sulle questioni climatiche. Nel 2019, sono stati emessi circa 257 miliardi di green bond, con un aumento del 50% rispetto all’anno precedente, secondo la Climate Bonds Initiative, che prevede l’immissione sul mercato di altri 350 miliardi di dollari nel 2020. 

Gli Stati Uniti e l’Europa finora hanno dominato il mercato: l’Europa da sola ha rappresentato il 45% delle emissioni globali nel 2019. Un dato che forse non stupisce, considerato il livello di maturità dei mercati finanziari della regione e l’importanza che gli europei attribuiscono all’ambiente. Ma altri Paesi sono entrati in gioco. Le società cinesi, innanzitutto le banche, sono già grandi emittenti e nel 2019 hanno contato per circa 30 miliardi di dollari.

Ma nonostante la rapida crescita di questo mercato, si tratta ancora di una piccola frazione dell’insieme dei titoli obbligazionari globali, che ammonta a 100.000 miliardi di dollari. Le banche multilaterali di sviluppo (Multilateral Development Banks, MDB) hanno giocato un ruolo chiave fin dall’inizio, in quanto sono meglio attrezzate per rispondere ai requisiti di emissione. Gli emittenti di green bond devono definire obiettivi ben chiari e consentire una stretta supervisione dei progetti ambientali che finanziano. Inoltre, la portata di tali impegni ha reso necessario attingere ai mercati finanziari internazionali, una scelta semplice per le MDB, ma più costosa per altri emittenti. La Banca Europea per gli Investimenti e la Banca Mondiale rimangono i principali emittenti. La Fannie Mae (Federal National Mortgage Association), ovvero l’agenzia ipotecaria statunitense a partecipazione statale, è stata un’altra importante fonte di green bond, nell’ambito del suo impegno per rendere il settore immobiliare nazionale più rispettoso dell’ambiente. Frequenti anche le emissioni della Industrial Bank cinese, insieme a quelle di altri Stati e istituzioni europei. Gli emittenti sovrani, sempre più sotto pressione per rispondere ai criteri “green”, potrebbero accelerare l’emissione. Poco tempo prima dell’epidemia di COVID-19, secondo le stime di HSBC, nel Regno Unito i green bond erano in grado di finanziare circa un quarto degli impegni dichiarati nel proprio manifesto dal governo britannico per la spesa in infrastrutture. E come dimostra il Recovery Plan dell’UE da 750 miliardi di euro, che presenta una forte attenzione all’ambiente, il mercato dei green bond potrebbe crescere a un ritmo ancora maggiore nel mondo post-COVID. Ma gli emittenti sovrani e legati agli stati sovrani potrebbero finire in seconda fila rispetto al settore privato, che di recente ha scoperto i vantaggi della finanza green. Nel complesso, le istituzioni finanziarie e le aziende hanno rappresentato emissioni pari a circa 142 miliardi di dollari in green bond nel 2019, con le emissioni corporate cresciute da sole del 90% rispetto all’anno precedente. 

Per le aziende, il vantaggio sta nel fatto che la domanda di green bond tende a provenire da uno spettro più ampio di investitori rispetto alle emissioni di titoli di debito tradizionali. E i dati suggeriscono che questi investitori tendono ad assumersi un maggiore impegno e a detenere questi strumenti più a lungo rispetto a quanto fanno con i titoli a reddito fisso convenzionali. Un altro aspetto interessante per gli emittenti di queste obbligazioni consiste nella loro scadenza più lunga, questo significa che il rifinanziamento può essere meno frequente. Infatti, i green bond (societari e governativi) hanno una duration media di poco inferiore agli 8 anni, rispetto ai 7,2 anni del debito societario investment grade globale, forse per via del fatto che i progetti ambientali hanno orizzonti temporali più lunghi.

Di recente, l’universo si è ampliato lungo l’intero spettro del credito. Sebbene i green bond societari abbiano un rating prevalentemente investment grade, sul mercato sono comparsi emittenti high yield come la società di gestione e recupero dei rifiuti Paprec, il produttore di turbine eoliche Nordex e il produttore di vetro O-I Packaging Group. E molte altre potrebbero fare altrettanto. La ricaduta della pandemia di COVID-19 potrebbe far sì che circa il 44% di questi green bond con rating BBB – una porzione più piccola rispetto al resto del mercato del debito societario – si trasformi in “fallen angel”, entrando in territorio high yield.

Nonostante tutte le zone grigie nei green bond, le cose stanno migliorando. Parte del miglioramento proviene dalle migliori prassi, parte dagli enti di settore, e parte dai legislatori. Attraverso il loro organo di settore, la International Capital Market Association, le banche d’investimento e altri soggetti dei mercati finanziari hanno dato vita ai Principi sui Green Bond; una serie di linee guida volontarie volte a promuovere criteri di trasparenza, divulgazione e rendicontazione per i green bond, ma che non specificano, tuttavia, quali tipi di investimento siano ammissibili in questa categoria. Un codice di settore volontario stabilisce quali titoli sono ammissibili tra i green bond – la Climate Bonds Initiative ha definito la gamma di attività ammissibili. Questi, a loro volta, vengono verificati da una parte terza approvata dal Climate Bonds Standard and Certification Scheme. Il carattere “verde” delle obbligazioni può essere verificato anche da agenzie esterne indipendenti come Sustainalytics. Il fornitore di dati Refinitiv ha recentemente lanciato le prime classifiche per la finanza sostenibile, che aiuteranno a individuare i titoli migliori della categoria. Infine, anche le agenzie governative vengono coinvolte. L’UE ha aperto la strada con l’approvazione della legge sulla tassonomia verde, che stabilisce il primo “elenco verde” ufficiale al mondo che classifica le attività sostenibili dal punto di vista ambientale e che è fondamentale per gettare le basi per un’Unione “climate neutral” entro il 2050. Questa legge è anche fondamentale per la creazione di una norma europea sui green bond, che è già in fase di studio e che potrebbe lanciare una sfida all’intero settore: secondo una stima meno di un quinto dell’MSCI Green Bond rispetterebbe il requisito delle norme europee sui green bond. 

 

Per tutti gli approfondimenti visitate il sito di Pictet AM (clicca qui).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Acchiappa-clienti o ascoltatore, scopri quale consulente sei

Consulenti, i millennials non vi sostituiscono con i robot

Consulenti, 5 consigli per raggiungere il vostro obiettivo

Consulenti, imparare a selezionare le persone in base al valore

Consulenti, cercasi finanziamenti post-pandemia

Consulenti, quando il cliente non sa cosa sia un fondo

Consulenti, il mestiere si impara all’università

Consulenti, ecco perché un giovane ha scelto i fee only

Truffe, un ex consulente vi salverà

Consulenti, ecco come investe Serena Williams

Consulenti, corso di preparazione all’esame Ocf in modalità webinar

Consulenti, torna a prevalere la cautela

Consulenti, le dritte per staccare (davvero) la spina d’estate

Scandalo bonus 600, tra i coinvolti anche un consulente-politico

Consulenti, le donne si sentono ignorate da voi

Consulenti, state dando un occhio al petrolio?

Consulente, difendi il tuo cliente da questa truffa

Consulenti, le 5 soft skills indispensabili per il futuro

Consulenti, come scoprire le bugie dei clienti

Truffe, un’altra fake news sui consulenti

Consulenti, come fare bella figura senza stressarsi

Consulenti, le maggiori paure nel ritornare in ufficio

Consulenti, lo spettro della stagflazione non deve far paura

Consulenti, i vostri clienti hanno problemi di analfabetismo

XI Congresso Anasf, Bufi: “E’ ora di eliminare il termine fuori sede”

Consulenti, ecco perché i clienti vi abbandonano

Consulenti, l’Asia uscirà vincitrice dalla crisi da Coronavirus

Coronavirus, i risparmiatori italiani ancora molto pessimisti

UBS AM: “Consulenti finanziari, essenziali nell’educazione alla sostenibilità”

Consulenti, i megatrend su cui puntare? Health, Digital, Security.

Consulenti, chi si somiglia si piglia

Consulenti, la Cina è tornata!

Consulenti, ripartire dopo il Covid-19: sì, ma come?

NEWSLETTER
Iscriviti
X