Unicredit, utile meglio del previsto e nuovo no a Mps

A
A
A
Avatar di Redazione 5 Novembre 2020 | 09:20
L’ad Jean Pierre Mustier ribadisce che il gruppo da lui guidato non sta ragionando su ipotesi di M&A

Unicredit si porta a casa un utile più che doppio rispetto alle attese e continua a negare un’imminente aggregazione con Mps. L’istituto guidata da Jean Pierre Mustier ha chiuso il terzo trimestre con un utile di 680 milioni di euro, più del doppio rispetto ai 334 milioni che si aspettavano gli analisi. Ma comunque nettamente inferiore rispetto a quanto fatto lo scorso anno, quando il risultato era stato di 1,17 miliardi di euro. Non male anche i ricavi (a quota 4,3 miliardi). Leggermente sotto l’asticella delle attese il margine d’interesse (2,30 miliardi contro 2,31) e le commissioni nette (1,46 miliardi contro 1,47).

L’ad, poi, è tornato sul discorso M&A con un nuovo diniego: “Non ragioniamo su ipotesi di M&A”, ha detto, “non ci sono strategie in questo senso. Utilizzeremo il capitale in eccesso per sostenere l’economia e remunerare gli azionisti”. Proprio su questo punto, infine, Mustier si è impegnato a ripristinare la politica societaria che abbina alla distribuzione del 50% degli utili netti da realizzarsi con un mix di dividendi in contanti e riacquisto di azioni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

UniCredit-Mps, l’apertura di Padoan: “Ipotesi sarà valutata”. E Rocca Salimbeni vola in Borsa

Unicredit, Mustier rinuncia alla buonuscita

Unicredit, da Valeri a Ermotti e Barrese. I nomi per il dopo Mustier

NEWSLETTER
Iscriviti
X