Portafogli Italia, performance oltre il +20%

A
A
A
di Finanza Operativa 2 Aprile 2015 | 14:30

Non si arresta il rally dei listini azionari, con il Ftse Mib che da inizio anno guadagna oltre il 23 per cento. Ma dopo due mesi e mezzo dall’implementazione del nuovo Portafoglio Italia 2015 (15 gennaio) – in realtà tre portafogli costruiti con la metodologia dei “Dogs of the Dow” di Michael O’Higgins – i risultati restano lusinghieri, anche nel confronto con l’indice. Il portafoglio PPP (composto dalla sola Unipolsai) sale del 23,8%, quello dei “10 Dogs” del 20,4% e quello dei “5 Dogs”, rimasto più indietro, del 18,4%. A tirare la volata Mediolanum (+44,7%), StM (+31,6%) e Unipolsai (+23,8%). I “peggiori” rimangono Terna (+12,9%) e Gtech (+5%).
Tutte le performance in dettaglio sono qui.
Oggi tra l’altro è l’ultimo giorno di quotazione in Italia di Gtech. Da martedì prossimo, infatti gli azionisti Gtech avranno un titolo della nuova IGT (con concambio 1:1) quotato solamente sul Nyse. Il titolo – dato che rimane quotato – continuerà quindi a essere incluso nel Portafoglio Italia.
Dei 10 titoli del Ftse Mib con il dividend yield maggiore (portafoglio 10 Dogs) i cinque con il prezzo inferiore formano il secondo portafoglio “5 dogs”, mentre il terzo è composto da un solo titolo. il secondo con il prezzo più basso (Unipolsai). Un’anomalia statistica scoperta da O’Higgins, ma valida generalmente anche sul mercato italiano. Di seguito l’elenco dei titoli: A2a, Unipolsai, Enel, Terna, Snam, Mediolanum, StM, Eni, Gtech, Atlantia. Max Malandra

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Certificati, da Bnp Paribas BNP Paribas una nuova serie di Step-Down Cash Collect

Mercati finanziari tra bolla e inflazione. Un’analisi intermarket

Raccomandazioni di Borsa: i Buy di oggi da Atlantia a Webuild

NEWSLETTER
Iscriviti
X