Alluminio in flessione in scia alla Cina e alle stime di Alcoa. Gli Etc short a Milano

A
A
A
di Finanza Operativa 9 Aprile 2015 | 16:23

L’alluminio torna a perdere terreno con il future a tre mesi quotato al London Metal Exchange sceso in area 1.760 dolleri per tonenllata, a ridosso della parte bassa dell’attuale fascia di oscillazione laterale dei corsi. A mettere sotto pressione il metallo, oltre al rafforzamento del dollaro e alle prese di beneficio sul petrolio, l’annuncio in Cina dell’adozione di nuove misure volte a ridurre i costi energetici, da cui deriverebbe un calo dei costi produttivi locali. Le industrie cinesi guardano infatti con attenzione crescente i mercati occidentali – fanno notare gli analisti di Wings Partners Sim – ultima risorsa per vendere prodotti locali in eccedenza, che limitano così il deficit di mercato prospettato per il 2015. Anche Alcoa (che al momento perde circa il 4,5%) ha dovuto rivedere le proprie stime per l’anno in corso con un surplus di allumina di 2,7 milioni di tonnellate e di alluminio per 326.000 tonnellate.

In base alle ultime stime di Alcoa, relativamente al 2015 nel suo complesso, il mercato globale dell’alluminio registrerà un’eccedenza pari a 326.000 tonnellate. Le stime risultano essere decisamente diverse rispetto a quanto prospettato ad inizio anno, quando la compagnia aveva stimato un deficit annuo per 38.000 tonnellate.

Per sfruttare il possibile, ulterore ribasso dell’alluminio, a Piazza Affari è disponibile l’Etc short Etfs Daily Short Aluminium.

G.R.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Alluminio, scioperi in Australia e dazi Usa fanno balzare i prezzi. Gli Etc a Piazza Affari

Alluminio alle prese con i dazi Usa. Gli effetti sulla commodity e su Alcoa

Come sfruttare il rialzo delle quotazioni dei metali industriali

NEWSLETTER
Iscriviti
X