Osservatorio prestiti: la ristrutturazione della casa fa la parte del leone

A
A
A
di Finanza Operativa 13 Aprile 2015 | 16:05
Nel primo trimestre del 2015 i prestiti erogati per la ristrutturazione della casa (35,6%) e per l’acquisto di un’auto usata (22%) si confermano tra quelli maggiormente erogati agli italiani secondo quanto emerge dall’ultima edizione dell’Osservatorio di PrestitiOnline.it , il più accreditato sito di comparazione di prodotti di credito al consumo in Italia che fa capo […]

Nel primo trimestre del 2015 i prestiti erogati per la ristrutturazione della casa (35,6%) e per l’acquisto di un’auto usata (22%) si confermano tra quelli maggiormente erogati agli italiani secondo quanto emerge dall’ultima edizione dell’Osservatorio di PrestitiOnline.it , il più accreditato sito di comparazione di prodotti di credito al consumo in Italia che fa capo al Gruppo MutuiOnline, leader nel nostro Paese nella distribuzione di prodotti di credito per privati e per famiglie.

Dall’analisi emerge che nei primi tre mesi dell’anno il 20,1% dei prestiti è stato erogato per una durata di 60 mesi mentre il 15,2 % è stato erogato per una durata di 48 mesi.
L’importo medio dei prestiti erogati si è attestato a 12.233 euro, in aumento rispetto a quello del secondo semestre del 2014 (10.938 euro).
Il 32,4% dei prestiti erogati ha riguardato un importo compreso tra i 5.000 e i 10.000 euro.
Per quanto riguarda le diverse aree geografiche l’erogazione dei prestitiè risultata, rispetto alleprecedenti rilevazioni, in lieve calo nel Nord Italia, in cui si è attestata intorno al 37,5%, in leggeroaumento, invece, al Centro dove si è risultata  intorno al 23,4% eal Sud e nelle Isole (39,1%).
Infine, i prestiti maggiormente erogati sono risultati quelli nella fascia d’età 36-45 anni con il 38,6%, seguiti da quelli di fascia d’età 46-55 con il 27%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Nuova serie di Cash Collect in euro per Goldman Sachs

“Good news” per i possessori dei Buoni postali 1986

Supermulta perché manca clausola di non trasferibilità

NEWSLETTER
Iscriviti
X