Amundi lancia il fondo flessibile Amundi Multiasset 2020

A
A
A
di Finanza Operativa 14 Aprile 2015 | 14:10

Amundi amplia la propria offerta con il lancio di Amundi Multiasset 2020, fondo flessibile ampiamente diversificato con cedola annuale e che adotta – in un orizzonte di cinque anni – una progressiva riduzione del budget di rischio. L’importo minimo di sottoscrizione previsto è di 500 euro. Amundi Multiasset 2020 attua una strategia di gestione flessibile, senza vincoli di benchmark, orientata alla massima diversificazione degli investimenti tra asset class, aree geografiche, valute e singoli strumenti finanziari.
Il fondo si caratterizza per una progressiva riduzione del budget di rischio durante l’orizzonte temporale di investimento (cinque anni): il limite massimo del budget di rischio, identificabile con un VaR (Value at Risk) mensile al 99% passa, infatti, dal -7,5% dei primi tre anni al -6% alla fine del quarto anno, per arrivare al -4% alla fine del quinto anno. Sono inoltre stabiliti limiti precisi all’investimento azionario che non può essere superiore al 70% nei primi tre anni dell’orizzonte di investimento, per poi scendere al 55% al massimo nel quarto anno e al 35% al massimo nel quinto anno.
“In uno scenario economico caratterizzato da rendimenti obbligazionari vicino allo zero, gli investitori sono sempre più alla ricerca di rendimento” – spiega Paolo Proli, Head of Sales & Marketing di Amundi SGR. “Un portafoglio multi-asset, flessibile e ampiamente diversificato, in grado di ricercare valore su diverse asset class e aree geografiche può rispondere a tale esigenza, soprattutto per chi, come i risparmiatori italiani, intende esporsi ad asset class rischiose con meccanismi di limitazione dei rischi. Amundi Multiasset 2020, inoltre, è particolarmente adatto per chi è interessato a flussi cedolari annuali”.
Il meccanismo – L’investimento nei mercati obbligazionari e azionari è realizzato principalmente tramite titoli obbligazionari, la partecipazione ad altri OICR (compresi gli ETF) che presentano una politica di investimento compatibile con quella del fondo e strumenti finanziari derivati. Per quanto riguarda la componente obbligazionaria il fondo investe in strumenti finanziari obbligazionari emessi da governi, società e organismi internazionali, a cui è attribuito un rating non inferiore a investment grade. L’investimento in strumenti finanziari non investment grade è residuale o contenuto.
La strategia di investimento prevede, in un orizzonte di investimento di circa 5 anni, la variazione nel tempo dell’asset allocation del portafoglio entro determinati limiti di VaR (Value at Risk) in modo che l’investimento in strumenti finanziari azionari non sia superiore al 70% delle attività nei primi tre anni, al 55% nel quarto anno e al 35% nel quinto. Amundi Multiasset 2020 distribuisce proventi con periodicità annuale. Per il primo anno (con riferimento all’esercizio 2015), i partecipanti riceveranno un ammontare predeterminato pro-quota rispettivamente pari a 0,15 euro (equivalente al 3% del valore iniziale della quota di 5 euro).
Con riferimento agli esercizi 2016-2019, la società di gestione può deliberare di distribuire ai partecipanti fino al 100% dei proventi conseguiti dal fondo, fino a un massimo pari a 0,15 euro per ciascuna quota. Entro i tre mesi successivi alla scadenza dell’orizzonte di investimento (30 giugno 2020), Amundi Multiasset 2020 sarà oggetto di fusione per incorporazione nel fondo “Amundi Più” o in altro fondo gestito da Amundi SGR caratterizzato da una politica di investimento omogenea o comunque compatibile a quella del fondo “Amundi Più”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Amundi, utile alle stelle (grazie a Pioneer)

Amundi, la prova (obbligazionaria) del 9

Amundi, una nomina negli investimenti

NEWSLETTER
Iscriviti
X