Bond High Yield, gli indici Ccd sono la strada giusta per investire secondo Ubp

A
A
A
di Finanza Operativa 22 Aprile 2015 | 16:30

a cura di Christel Rendu de Lint, Head of Fixed Income, Union Bancaire Privée – Ubp

Dal 1990, le obbligazioni ad alto rendimento (High Yield) si sono dimostrate un’alternativa attraente rispetto all’azionario, con volatilità inferiore e ritorni più alti o simili. La volatilità mensile annualizzata dell’HY si attesta infatti all’8,6%, contro il 14,6% dell’azionario. Il quadro generale resta positivo per le obbligazioni ad alto rendimento, con tassi di default a livelli molto bassi. Le strategie d’investimento basate sugli indici CDS stanno inoltre sovraperformando le strategie tradizionali sulla stessa asset class. Ci sono ragioni strutturali per questo miglior andamento: i costi bassi di negoziazione e l’efficienza nella gestione offerta dall’elevata liquidità degli indici CDS, consentono quindi di cogliere i rendimenti.

Le ragioni che portano a preferire l’esposizione sugli HY tramite gli indici CDS restano valide. Il quadro macro economico è contraddistinto da bassi tassi di default sia in Europa sia negli Stati Uniti: essi dovrebbero attestarsi attorno al 2% sia quest’anno sia il prossimo. Tramite gli indici CDS, gli investitori sono compensati per un tasso di default attorno al 6% annuo per i prossimi 5 anni – escludendo il settore energetico. Questo vuol dire che gli investitori sono più che compensati per il rischio default e che l’asset class resta sottovalutata.

Inoltre, gli indici CDS sulle obbligazioni ad alto rendimento sono molto ben diversificati. Di conseguenza, offrono un’esposizione moderata al settore energetico, pari a solo il 3,8%, mentre l’indice rappresentativo del mercato dei singoli titoli obbligazionari HY globali ne è esposto per una quota superiore all’11%, prima della forte discesa del prezzo del greggio. Inoltre, a seguito dei tagli del rating subiti di recente, Petrobras e Gazprom sono ora membri degli indici globali sui bond cash HY. L’indice CDS delle obbligazioni ad alto rendimento USA e quello europeo continuano a non includere questi due emittenti. Gli indici CDS sono indici puramente statunitensi ed europei.

Una strategia basata sugli indici CDS offre oggi un rendimento del 5,7%, con un posizionamento difensivo sul rischio dei tassi di interesse in quanto gli indici di CDS non hanno duration, una minore esposizione ai rischi legati al settore energetico, e una maggiore liquidabilità dell’investimento, tutti segnali positivi per investimenti con questa strategia.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: la view di Credit Suisse

Mercati, bond condizionati dall’inflazione. Le nuove emissioni sotto la lente

Asset allocation, ecco cosa guiderà quest’anno i bond sostenibili

NEWSLETTER
Iscriviti
X