Asset allocation Europa e Usa: dominano i settori difensivi

A
A
A
di Finanza Operativa 6 Maggio 2015 | 14:00

a cura di Francesco Maggioni

L’asset allocation di maggio sulle due sponde dell’Atlantico vede molte similitudini. Cio’ che stupisce innanzitutto è una netta diminuzione nel settore obbligazionario che in aprile è uno dei settori meno performanti. In Europa il Bund per esempio ha perso in un giorno tutto il rendimento che avrebbe reso in dieci anni; la particolarità è ovviamente il livello di rendimento decennale, non il movimento giornaliero.

In America contemporanemante, i rendimenti dei Treasury sono saliti sopra il 2% per la prima volta con un movimento decisamente ampio, il piu ampio del 2015 secondo solo a febbraio.
Altri movimenti degni di nota sono l’incremento del settore telecom, consumi di base e farmaceutico, mentre il settore energetico rientra in asset allocation dopo essere stato il settore piu debole da settembre fino ad aprile. Per quest’ultimo settore bisognerà vedere se la rinnovata forza si tratta di un mero rimbalzo oppure di un inizio di nuovo trend.
Guardando ai movimenti dei prezzi del petrolio si potrebbe propendere piu alla prima ipotesi, che alla seconda.
Complessivamente tutte e due le asset allocation registrano uno sbilanciamento verso i settori difensivi, in America al 65% mentre in Europa addirittura all’80%. Difficile dire se tale sbilanciamento è dovuto alla mera ricerca di rendimento oppure ad una palese ricerca di protezione in vista di forti aumenti di volatilita’ nei mercati, sia per la stagionalita’ che per il momento storico.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti