Mobilità urbana: I sistemi di informazione sul traffico in tempo reale sono la soluzione

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 7 Maggio 2015 | 13:00

Con il traffico che cresce a un tasso di tre volte superiore a quello dell’economia, la necessità di sistemi intelligenti come i servizi di informazione sul traffico in tempo reale (RTTI) è in aumento in Europa e Nord America. L’affermarsi delle città intelligenti e la diffusione di tecnologie avanzate come il traffico predittivo e la comunicazione da veicolo a veicolo continueranno a guidare il mercato RTTI in futuro. Per ora, l’integrazione con le informazioni sul trasporto pubblico per aiutare i pendolari a stimare il loro orario di arrivo (ETA) sulla base di fattori tra cui il traffico consentirà ai sistemi RTTI di risultare interessanti per un pubblico più vasto.
Una nuova analisi di Frost & Sullivan, intitolata “Strategic Analysis of Real-time Traffic Information Market in Europe and North America”, rileva che il numero di abbonati ai dati sul traffico in tempo reale in Nord America era di circa 1,9 milioni di unità nel 2014 e stima che questa cifra raggiungerà quota 14,2 milioni nel 2021. In Europa, si prevede che questo numero aumenterà dai 2,2 milioni registrati nel 2014 fino a quota 10,2 milioni nel 2021.
Il fatto che lo spazio RTTI debba ancora capitalizzare la quantità di dati e fonti attualmente disponibili indica che la diffusione di questi sistemi è destinata ad aumentare nel prossimo futuro.
“Gli strumenti di analisi dei Big Data rappresenteranno la più importante tecnologia a sostegno dell’implementazione di traffico predittivo, gestione dei segnali, manutenzione delle infrastrutture stradali e soluzioni per la riduzione degli incidenti, – afferma Ramnath Eswaravadivoo, analista di Frost & Sullivan. – Pertanto, è importante che i responsabili della raccolta, aggregazione e integrazione dei dati coesistano per il buon funzionamento dell’ecosistema RTTI.”
Il principale fattore che limita l’utilizzo dei sistemi RTTI è l’elevato costo di sottoscrizione. Oltre a ciò, il limite al download dei dati, anche dopo che gli utenti finali hanno pagato un canone di abbonamento importante, ne scoraggia l’adozione. Abbassare i canoni di abbonamento, offrire un limite di download dati illimitato, o rendere il servizio RTTI uno standard in ogni auto a un costo contenuto sarà essenziale per incoraggiarne l’adozione.
Inoltre, i pendolari considerano il servizio RTTI come un semplice sistema di navigazione offerto a un costo extra.  I fornitori di tecnologia devono attuare programmi di sensibilizzazione per aiutare il pubblico a capire la rilevanza del servizio RTTI.
“I consumatori devono essere informati su come il servizio RTTI può ridurre le emissioni, i tempi di attesa nel traffico e il carburante sprecato quando si è in coda, – raccomanda Eswaravadivoo. – Anche l’integrazione delle soluzioni in un servizio coerente e facile da usare, piuttosto che l’offerta di applicazioni separate per la navigazione, il traffico, il parcheggio e il carburante, attirerà più consumatori nel mercato nordamericano ed europeo dei sistemi RTTI.”

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Big Data interessanti per l’impact investing. Quattro case history

Inflazione, dai big data la prospettiva di un trend rialzista

Ripresa, i sette segnali per valutare gli investimenti grazie ai big data

NEWSLETTER
Iscriviti
X