Global Cio Survey 2015, l’indagine di Brocade rivela l’esigenza di un New Ip per le aziende

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 13 Maggio 2015 | 13:00

Una nuova survey svolta tra i CIO di tutto il mondo, condotta da Brocade, rivela l’impatto causato dalle infrastrutture legacy alle aziende, e sottolinea la necessità di soluzioni innovative per le reti aziendali.  Nella Global CIO Survey 2015, il 75% dei CIO ha affermato che la propria rete rappresenta un ostacolo al raggiungimento degli obiettivi dell’azienda. Per quasi un quarto degli intervistati, si tratta di un problema “significativo”.
La crescita continua delle nuove tecnologie, che modifica in modo sostanziale il modo di operare delle aziende e di coinvolgere i loro clienti, richiede una radicle rinascita dei dipartimenti IT. Questo ha portato i CIO ad affrontare e confrontarsi con una serie di sfide, ed evidenzia la chiara esigenza di comprendere e beneficiare delle opportunità offerte dal New IP.
Ken Cheng, CTO e Senior VP of Corporate Development and Emerging Business di Brocade, spiega: “Il ruolo dell’IT sta cambiando, da amministratori di infrastruttura ad abilitatori di business, guida dell’innovazione e di nuove modalità operative, per rivoluzionare il coinvolgimento dei clienti e i processi transazionali. Oggi più che mai, il CIO riveste un ruolo fondamentale nel consigliare amministrazione e senior management sugli investimenti di business strategici, ma le infrastrutture legacy rappresentano un grave ostacolo che impedisce alle aziende di sviluppare agilità e innovazione. Il New IP è un’opportunità per affrontare questi problemi, consentendo il raggiungimento degli obiettivi aziendali.”
L’indagine, condotta dalla società indipendente di ricerca Vanson Bourne, ha interpellato 200 CIO provenienti da sei diversi paesi. Tra i risultati più rilevanti, si evidenzia che:

  • I CIO sono distratti dall’impegno di mantenere in funzione i sistemi. Più della metà passa oltre il 50% del proprio tempo a risolvere i problemi e cita i downtime e la disponibilità di rete  tra le motivazioni più comuni, specialmente per i CIO di aziende con oltre 1.000 dipendenti.
  • Le preoccupazioni principali dei CIO sono la sicurezza e la rapida implementazione e accesso a nuove applicazioni e servizi, rispetto a big data e analytics, comunicazione, collaborazione, o conformità normativa.
  • I quattro principali problemi tecnologici che i CIO devono affrontare sono: piattaforme operative (Oracle, SAP), aggiornamento/espansione dei data center, sicurezza, upgrade/espansione delle reti.
  • Il 40% dei CIO afferma di essere preoccupato per la scelta dei fornitori adeguati per conseguire i risultati attesi dall’azienda.

Relativamente al cloud, il sondaggio rivela che:

  • Il cloud è un dato di fatto (il 90% dispone di un modello di cloud nella propria organizzazione) ma il problema è il controllo della sua adozione Più di un terzo degli intervistati sostiene che l’adozione del cloud senza il coinvolgimento dell’IT non sia consentita, ma avviene o potrebbe avvenire comunque.
  • Le preoccupazioni dei CIO relative a una cloud non autorizzata comprendono il suo impatto (negativo) sulle prestazioni dell’infrastruttura, l’incapacità di gestire la rete e le discussioni dell’IT con i provider cloud. Questi potrebbero essere problemi più preoccupanti rispetto a  sicurezza, conformità, SLA mediocri, incapacità di accedere ai dati o costi di business dovuti al raddoppio delle spese.
  • L’83% dei CIO ritiene che l’adozione di servizi cloud senza il coinvolgimento dell’IT aumenterà.
  • Per l’82% ammette tutto ciò crea timori per la sicurezza del proprio lavoro, e uno su cinque ritiene che tali attività siano fonte di fortissimo stress.

Alla domanda realtiva alla maggiore preoccupazione del proprio ruolo, gli intervistati hanno così risposto:

  • Il 79% dei CIO è preoccupato per la fornitura di nuovi servizi a supporto della crescita aziendale
  • Il 77% per la fornitura di migliori strumenti analytics e data mining
  • Il 68% è impegnato a migliorare la fornitura di servizi, mentre la stessa percentuale indica la rapida implementazione di nuove applicazioni come rilevante
  • Ridurre le spese operative dell’azienda è una delle principali preoccupazioni  per il 65% dei coinvolti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Brocade e BNP Paribas Leasing Solutions alla conquista dell’Europa

NEWSLETTER
Iscriviti
X