Nei prossimi tre anni gli istituzionali aumenteranno l’esposizione verso il multi asset: survey di Nn Ip

A
A
A
di Finanza Operativa 15 Maggio 2015 | 16:00

Una recente indagine di NN Investment Partners, in precedenza ING Investment Management, rivela che per gli investitori istituzionali l’approccio absolute return risulti il più appropriato per la gestione dei fondi multi asset. L’indagine evidenzia la preferenza degli investitori per rendimenti stabili, corretti per il rischio.
Un intervistato su tre (32%) dichiara che un obiettivo di rendimento assoluto (absolute return), come ad esempio “cash + X%” è il più appropriato per le strategie multi asset. Poco più di uno su cinque (22%) cita un benchmark basato sulla performance media dei fondi della stessa categoria, mentre il 14% preferisce un obiettivo di rendimento prestabilito, come ad esempio il 10% annuo.
Circa uno su quattro (14%) dichiara che per questo tipo di fondi i benchmark sono irrilevanti.
Sette intervistati su dieci (70%) prevedono che gli investitori istituzionali aumenteranno la propria esposizione ai fondi multi asset nel corso dei prossimi tre anni, incluso un 16% che prevede un forte incremento dell’esposizione verso questi fondi. Oltre la metà (55%) degli investitori istituzionali dichiara che questo trend dipende principalmente dal fatto che i fondi multi asset rappresentano la soluzione d’investimento attraverso la quale delegare  decisioni sia tattiche che strategiche.
Quasi la metà degli intervistati (45%) prevede, nel corso dei prossimi tre anni, un incremento della domanda per le strategie multi asset che usano tecniche di finanza comportamentale.
Valentijn van Nieuwenhuijzen, Head of Strategy, Multi Asset at NN Investment Partners (NN IP), commenta: “Gli investitori oggi devono affrontare un mercato caratterizzato da forte complessità, non sorprende che vogliano delegare la gestione dei propri risparmi a gestori multi asset in possesso delle risorse e delle competenze più efficaci. Naturalmente, anche gestori devono saper scegliere l’approccio più corretto, non basta definire l’asset allocation. È cruciale monitorarne l’allocazione del rischio, in modo da generare rendimenti assoluti, chiaramente molto importanti per gli investitori, specialmente dopo le vicende che hanno portato alla crisi finanziaria globale”.
Gli investitori istituzionali sono equamente divisi sull’opportunità di riposizionare i propri portafogli in previsione di una correzione del mercato. Quasi la metà (47%) dichiara di aver riposizionato il proprio portafoglio in previsione di una correzione, mentre esattamente la stessa percentuale (47%) non sta facendo nulla in merito. La maggioranza (57%) ritiene che i fondi multi asset siano ancora più interessanti se guardati in ottica di una correzione del mercato.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, da BlackRock un nuovo comparto multi-asset Esg

Investimenti: multi asset, non è tempo di grandi scommesse

Gli investimenti multi-asset restano attuali

NEWSLETTER
Iscriviti
X