Crescita su più fronti dai dati Usa: Janet Yellen rimarrà sorda ai suggerimenti del Fmi?

A
A
A
di Finanza Operativa 5 Giugno 2015 | 15:30

Il Bureau of Labor Statistics (BLS) ha comunicato che a maggio negli Usa sono stati creati 280 mila nuovi posti di lavoro nei settori non agricoli. Il dato è di gran lunga al di sopra delle aspettative, ferme a +220 mila unità. Il tasso di disoccupazione si è attestato al 5,5%, in timido rialzo rispetto ad aprile, mentre il tasso di partecipazione al lavoro è salito al 62,9% dal 62,7% di aprile. Riviste anche le cifre di marzo a +119 mila (da +85 mila) e quelle di aprile a +221 mila (da +223 mila). Si rafforza la crescita dei salari, salita a maggio del 2,3% su base tendenziale e dello +0,3% m/m. Quest’ultimo dato è il migliore da gennaio scorso.
Sono cifre solide quelle rilasciate oggi, soprattutto perché i miglioramenti sono arrivati da più fronti. La crescita dei nuovi posti di lavoro a maggio è la più alta da dicembre. Bene anche la ripresa del tasso di partecipazione che si è allontanata dai minimi dei mesi scorsi, al 62,7%. Probabilmente proprio questo valore ha fatto salire il tasso di disoccupazione al 5,5%. Spicca senz’altro anche la ripresa dei salari. Con questi dati diventa sempre più probabile un rialzo dei tassi da parte della Fed già a settembre. La Yellen potrebbe rimanere “sorda” ai suggerimenti arrivati dal Fondo monetario internazionale ieri, che auspicano un ritocco dei tassi di interesse solo nel primo semestre del 2016. Probabilmente solo a fronte di un repentino calo dei prezzi del greggio e un rafforzamento del dollaro potrebbero modificare l’aspettativa di un rialzo dei tassi subito dopo l’estate.
Intanto, la reazione sui mercati sembra non lasciare dubbi sulle aspettative degli operatori. Il biglietto verde è stato oggetto di forti acquisti. Il cambio Eur/Usd è così passato da 1,1255 a 1,1075. Vola anche il cambio Usd/Yen, che ha aggiornato i nuovi massimi da giugno 2002. Il calo dell’euro/dollaro non ha avuto ripercussioni importanti sui listini europei, che rimangono in deciso territorio negativo in attesa di sviluppi provenienti dal parlamento greco questo pomeriggio. Tra i bond, il Treasury è stato oggetto di forti vendite sui mercati, con il rendimento sul decennale Usa che è tornato in area 2,45%, nuovi massimi da ottobre scorso.
A cura di Vincenzo Longo, market strategist di IG

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, Powell ridà fiducia a Wall Street

Correlazioni tra l’irrigidimento della Fed e i rendimenti dei bond

Mercati, Fed più aggressiva delle stime: vola il dollaro non i tassi

NEWSLETTER
Iscriviti
X