Bond ibrido da 21 mln per Ibl Banca

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 1 Luglio 2015 | 13:30

Ibl Banca, tra i principali operatori in Italia nel settore dei finanziamenti tramite cessione del quinto (CDQ) dello stipendio o della pensione, ha emesso un bond di tipo Additional Tier 1 per un importo pari a 21 milioni di euro, collocando privatamente i titoli ad investitori istituzionali.
L’operazione si inserisce nella strategia di rafforzamento patrimoniale della Banca finalizzato a sostenere ulteriormente lo sviluppo della stessa e la crescita delle erogazioni.
I titoli emessi hanno una cedola a tasso fisso del 9,50% annuo, riconosciuta per i primi 5 anni e pagata su base semestrale; in seguito, nel caso in cui non venga esercitata la facoltà di rimborso anticipato, la cedola verrà ridefinita ad intervalli di 5 anni sulla base del tasso Mid Swap di pari scadenza vigente al momento, maggiorato di 900 punti base.
Lo strumento è caratterizzato dal pagamento della cedola su base discrezionale e da un meccanismo di assorbimento delle perdite.  Il trigger del 5,125% sul Common Equity Tier 1 prevede infatti che, qualora il coefficiente CET1 di Ibl Banca scenda al di sotto di tale soglia, il valore nominale dei titoli venga ridotto temporaneamente dell’importo necessario a ripristinarne tale parametro, per poi essere eventualmente ricostituito una volta ristabiliti i coefficienti patrimoniali minimi.
Il collocamento dei titoli è avvenuto presso due investitori istituzionali anche grazie alla collaborazione prestata da Banca Finint. La documentazione legale è stata curata dallo studio legale Allen&Overy mentre KPMG Corporate Finance ha assunto il ruolo di advisor finanziario.
“Sono particolarmente orgoglioso della conclusione di questa operazione che ci vede tra i pionieri in Italia” – ha affermato Mario Giordano, Amministratore Delegato del gruppo Ibl Banca – “La fiducia che gli investitori istituzionali hanno riposto in Ibl Banca costituisce un importante riscontro del mercato, e ci consente di rafforzare il nostro patrimonio a supporto di un’attività ancora più importante sul fronte delle erogazioni”.
Ibl Banca è l’unico gruppo bancario italiano specializzato nel settore dei finanziamenti tramite cessione del quinto dello stipendio o della pensione, al primo posto per flussi erogati netti con una quota di mercato del 13,6% al 31 marzo 2015 (Fonte Assofin). L’istituto, nato nel 1927 con il nome di Istituto di Credito agli Impiegati, si è trasformato in banca nel 2004 ed in gruppo bancario nel 2008 ed è oggi l’unico in Italia in grado di presidiare internamente e direttamente l’intera catena del valore dei finanziamenti tramite CDQ.  Una parte preponderante del portafoglio clienti del gruppo Ibl Banca è composto da soggetti appartenenti al settore pubblico e statale e da pensionati.
Il gruppo nel tempoha ampliato la sua offerta con prodotti di raccolta, in particolare conti deposito, con prodotti assicurativi e con altri prodotti finanziari, anche tramite lo sviluppo di partnership con primari operatori terzi.  Ha chiuso il 2014 con una crescita a due cifre di tutti i principali indicatori economici e patrimoniali: l’utile netto consolidato è risultato in crescita a 50,5 milioni di euro, più che raddoppiato rispetto ai 22,9 milioni di euro del 2013, la raccolta diretta da clientela retail è passata a 1,3 miliardi di euro (+37,8% sul 2013) e gli impieghi per finanziamenti alla clientela retail a 1,6 miliardi di euro (+30,5% sul 2013). Il margine di interesse è stato di 58,2 milioni di euro (+70,2 % sul 2013) e il margine di intermediazione di 128,3 milioni di euro (+52,6% sul 2013).  Il settore della CDQ, che nel 2014 si è attestato a circa 4,3 miliardi di euro per erogato netto, fa parte del più ampio comparto del credito al consumo che è arrivato ad avere in Italia al 31 dicembre 2014 una dimensione di 46,3 miliardi di euro. (Fonte Assofin)

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X