Da Ubs tre nuovi Etf per investire sull’Asia-Pacifico

A
A
A
di Finanza Operativa 1 Luglio 2015 | 12:30

Dopo aver dedicato la prima parte dell’anno al rafforzamento della propria gamma obbligazionaria e agli Etf Euro hedged, Ubs quota da domani 2 luglio sul listino EtfPlus di Borsa Italiana tre nuovi prodotti azionari, che permettono di prendere posizione su altrettanti listini dell’area Asia-Pacifico: Singapore, Hong Kong e Australia: UBS ETF (IE) MSCI Singapore Ucits ETF (SGD) A-dis ,(Isin LU1169825954), UBS ETF (IE) MSCI Hong Kong Ucits ETF (Hkd) A-dis (Isin LU1169827224) e UBS ETF (IE) MSCI Australia Ucits ETF (AUD) A-acc (Isin IE00BD4TY451).

I tre nuovi strumenti, a replica fisica completa ed espressi nelle valute locali, vantano un TER annuo limitato allo 0,45% e replicano indici costruiti da MSCI.

UBS ETF (IE) MSCI Singapore Ucits ETF (SGD) A-dis è il primo ETF quotato a Piazza Affari che permette di prendere posizione sul mercato azionario di Singapore. Replicando il MSCI Singapore Index, composto da 28 titoli, è rappresentativo dell’85% della capitalizzazione di mercato rettificata per il flottante della Borsa di Singapore. L’ETF ha un costo dello 0,45% annuo e prevede la distribuzione semestrale dei dividendi. UBS ETF (IE) MSCI Hong Kong Ucits ETF (Hkd) A-dis replica, invece, il MSCI Hong Kong Index, composto da 40 titoli; come lo strumento precedente ha un costo dello 0,45% annuo e prevede la distribuzione semestrale dei dividendi. Entrambi gli ETF hanno una forte esposizione al settore finanziario, dominante d’altronde, nelle economie dei due Paesi.

UBS ETF (IE) MSCI Australia Ucits ETF (AUD) A-acc, infine, replica il MSCI Australia Index, composto da 69 titoli, prevede il reinvestimento dei dividendi e ha un TER annuo di soli 40 basis point. L’ETF si affianca al già quotato UBS ETF (IE) MSCI Australia hedged EUR Ucits ETF, che permette di investire sulla Borsa di Sidney neutralizzando l’oscillazione del tasso di cambio dollaro australiano/ euro.

“I mercati finanziari dell’area Asia-Pacifico – ha commentato Simone Rosti, responsabile Italia di UBS ETF – hanno acquisito nel tempo un’importanza sempre maggiore in termini di capitalizzazione e di presenza nei portafogli degli investitori. Da qui la decisione di implementare ulteriormente la nostra gamma di ETF, che già prevedeva sei strumenti, due dei quali con la copertura dal rischio di cambio”.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: Asia in bilico tra alta volatilità e potenziale di crescita

Risparmio gestito: è boom di fondi asiatici

Asset allocation: il Giappone come ponte verso l’Asia

NEWSLETTER
Iscriviti
X