Bpm primo collocatore in Italia dei fondi Martin Currie (gruppo Legg Mason)

A
A
A
di Finanza Operativa 8 Giugno 2015 | 13:40

Banca Popolare di Milano e Legg Mason Global Asset Management, gestore globale con 703 miliardi di dollari di asset in gestione, rafforzano la loro collaborazione  per ampliare l’offerta di prodotti distribuiti sul mercato italiano. Grazie a questo nuovo accordo infatti BPM diventa il primo collocatore in Italia dei fondi Martin Currie, l’ultima arrivata tra le società affiliate del gruppo Legg Mason, specializzata nella gestione azionaria attiva, con sede nel Regno Unito. Attraverso BPM gli investitori potranno accedere in particolare al fondo Legg Mason Martin Currie GF European Absolute Alpha, fondo azionario europeo gestito con una strategia long/short.
Marco Negri country head Italia di Legg Mason, ha dichiarato: “Siamo molto lieti di questo nuovo passo in avanti con Banca Popolare di Milano. Si tratta infatti del rafforzamento di una collaborazione avviata lo scorso settembre, quando abbiamo reso disponibili alcuni nostri prodotti di punta attraverso questo storico marchio della distribuzione in Italia. Le sinergie che siamo riusciti a costruire con la rete di Private Banking hanno ricevuto riscontri fortemente positivi in breve tempo e abbiamo quindi deciso, di comune accordo, di affidare a BPM il lancio sul mercato italiano dell’ultima casa di gestione acquisita dal gruppo Legg Mason lo scorso anno, che propone un approccio assolutamente innovativo sul mercato azionario europeo. Crediamo molto nel prodotto di punta della nostra nuova affiliata, il Legg Mason Martin Currie GF European Absolute Alpha, un fondo azionario europeo long/short che mira a generare alfa tramite la selezione di posizioni lunghe e corte sui singoli titoli e con un processo di analisi macroeconomica volto a ridurre il rischio complessivo di portafoglio”.
Gianfranco Venuti, Responsabile Private Banking e Wealth Management di Banca Popolare di Milano, aggiunge: “Per Banca Popolare di Milano si tratta di un accordo che conferma la strategia di perfezionamento e di diversificazione dell’offerta ai nostri clienti, parte di un disegno di più ampio respiro che vede il franchise BPM Private quale leva di crescita nel Piano Industriale. Attualmente il nostro servizio può contare su di una rete composta da 70 gestori (che diventeranno 150 a orizzonte di Piano) organizzati in 10 team in altrettanti headquarter fisici sul territorio, che si occupano di consigliare gli investimenti migliori, assistendo circa 10  mila clienti. Aver scelto Legg Mason Global Asset Management testimonia la forte spinta all’ottimizzazione della gestione di portafogli flessibili finalizzata a generare rendimenti assoluti. Questo tipo di approccio consente di far leva sulla differenziazione anche degli asset, così da offrire le migliori soluzioni di investimento alla nostra clientela. Puntiamo alla capacità di selezione delle best expertise gestionali di mercato, per essere dei manager-of manager capaci di dare al cliente una consulenza continuativa e qualificata. La collaborazione con Legg Mason ci consentirà di realizzare al meglio il rafforzamento della gamma prodotti, in ottica multi-brand”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banco Bpm, Castagna: il terzo polo non ci ossessiona

Banche: diminuiscono le società, aumentano gli utili

Cimbri, l’ascesa del condottiero del Multiasset

NEWSLETTER
Iscriviti
X