Platino e palladio, la divergenza tra i prezzi aumenterà secondo Ubp

A
A
A
di Finanza Operativa 3 Luglio 2015 | 12:30

di Nevine Pollini, Senior Analyst Commodities, Union Bancaire Privée – Ubp

Da inizio anno, le quotazioni dei metalli del gruppo del platino hanno mostrato una tendenza al ribasso, con il platino in particolare che è sprofondato ai minimi rispetto agli ultimi 6 anni a 1059 dollari l’oncia e il palladio che ha toccato i 665 dollari, a livelli che non si vedevano da luglio del 2013.

La domanda per la costruzione di catalizzatori per auto è stata la principale fonte di richiesta per i due metalli: la domanda netta dovrebbe poi aumentare, trainata dalla continua crescita nella produzione di veicoli e da norme sulle emissioni sempre più restrittive, specialmente in Cina. Nonostante ciò, rimaniamo cauti su entrambi i metalli e vediamo una chiara divergenza tra i fondamentali del platino e del palladio nel breve-medio termine.

Il mercato del platino dovrebbe restare in deficit nel 2015, anche se questo, secondo il GFMS Platinum e il Palladium Survey, si ridurrà dalle 1,02 milioni di once del 2014 a 670.000 once quest’anno (tale cifra potrebbe persino scendere sotto le 285.000 once secondo Johnson Matthey). Il Sud Africa, principale produttore di platino, ha avuto un mese di gennaio senza scioperi, il primo in diversi anni, e la sua produzione dovrebbe aumentare del 20-22% nel 2015, secondo le stesse fonti. Tale output aggiuntivo sarà integrato dalle vendite dagli scarti riciclati, che dovrebbe registrare un incremento del 10% per il 2015, secondo il GFMS. Il deficit non si sta riflettendo sulla performance dei prezzi, in quanto è facilmente controbilancio dalle ampie scorte fisiche sul terreno (sebbene la definizione sia in qualche modo vaga: include le scorte accumulate dai produttori stessi, produttori di autoveicoli e altre imprese industriali, come anche i metalli detenuti dalle società di trading e gli ETF a replica fisica)

Sebbene le registrazioni di nuovi veicoli siano aumentate in Europa (e il mercato europeo delle auto a diesel è il più grande di tutti), la domanda sta perdendo slancio. Ciò sta accadendo non solo perché nel Vecchio Continente si stanno incominciando a preferire vetture più piccole, ma anche perché si preferiscono motori a benzina rispetto a quelli diesel, per via di una maggiore consapevolezza dei rischi per la salute e per l’ambiente legati al diesel. Il rallentamento del mercato dei gioielli in Cina sta ulteriormente offuscando l’outlook del platino, anche se è previsto che i prezzi più bassi sproneranno la domanda per i gioielli. Affinché i prezzi del platino si riprendano in questo contesto difficile, il Sud Africa dovrebbe modificare il suo output tagliando la produzione marginale, ma il rand debole sta avvantaggiando i produttori del Sud Africa mentre l’elevato tasso di sindacalizzazione dei lavoratori rende un ribilanciamento particolarmente difficile.

L’outlook per la domanda del palladio, d’altro canto, sembra più solido, in quanto il mercato è principalmente spinto dai settori automotive (come le auto a benzina) edelettronico, senza la domanda legata alla gioielleria che esiste per il platino. La domanda per le vetture in Nord America rimane forte e gli americani potrebbero rispondere ai prezzi bassi della benzina con l’acquisto di auto più grandi con motori più grandi (come i Suv), i quali richiedono più palladio. Nonostante ciò, il prezzo del palladio ha registrato deboli performance da inizio anno a causa delle preoccupazioni per il rallentamento della crescita delle vendite di auto in Cina, il mercato più grande al mondo. Ciò è dovuto ai deboli dati economici cinesi, insieme al consumo delle scorte fisiche sul terreno per far fronte a eventuali buchi della produzione. Le voci sulle scorte russe ultimamente sono riemerse, con Norilsk che ha proposto di comprare 2 miliardi di dollari di palladio dalla Banca centrale russa. Tutti queste scorte dovranno essere ulteriormente utilizzate prima che il prezzo del palladio possa tornare su una traiettoria positiva.

Non sappiamo esattamente quando i prezzi dei metalli preziosi incominceranno a risalire, tuttavia vediamo chiaramente una divergenza nel mercato tra le quotazioni di platino e palladio per i prossimi anni, con il secondo che mostra fondamentali migliori.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, Ipo: per Intermonte boom di richieste

Mercati, petrolio: cresce ancora la domanda. Target e raccomandazioni

Investimenti: attenzione alle dinamiche della domanda di lavoro

NEWSLETTER
Iscriviti
X