Il petrolio Wti scivola fino a 52,4 dollari. I prossimi obiettivi tecnici

A
A
A
di Finanza Operativa 7 Luglio 2015 | 10:30

Ennesima caduta, ieri, del petrolio Wti, sceso fino a segnare un minimo intraday a 52,4 dollari per barile. A pesare sulle quotazioni sono stati, oltre all’incertezza legata alla crisi greca, i timori che l’offerta sul mercato possa significativamente aumentare. Secondo quanto riportato dal Financial Times, infatti, l’accordo tra l’Iran e le sei potenze mondiali sul programma nucleare di Teheran sarebbe più vicino. E se le sanzioni dovessero essere revocate le esportazioni iraniane di greggio potrebbero raddoppiare nel giro di sei mesi.

Un movimento, quello discendente in atto, che potrebbe spingere i corsi a testare a quota 51,50 la resistenza statica di medio termine. Una volta eventualmente arrivato a questa soglia, tutti i principali indicatori e oscillatori accentuerebbero però l’ipervenduto tecnico favorendo così la possibilità di un rimbalzo, almeno nel breve termine, verso 53,50 prima e 54,50 poi. Sotto 51,50 invece il successivo obiettivo ribassista è individuabile in area 50 dollari.    G.R.

Clicca sul grafico per ingrandirlo
petrolio
 
 
 
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: il petrolio Brent sui livelli del 2018. I prossimi target e gli Etc

Borse internazionali: il punto tecnico della settimana

Ftse Mib: la fase laterale ora va osservata su base settimanale

NEWSLETTER
Iscriviti
X