Imu e Tasi fanno impennare le tasse sugli immobili strumentali

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 16 Giugno 2015 | 10:45

A seguito dell’introduzione dell’Imu e successivamente della Tasi, tra il 2011 e il 2014 la tassazione sugli immobili strumentali ha subito una vera e propria impennata. Se nell’ultimo anno in cui abbiamo pagato l’Ici il gettito complessivo sulle attività produttive ha portato nelle casse dei Comuni quasi 5 miliardi, l’anno scorso il prelievo ha superato i 10 miliardi di euro. Nello specifico gli aumenti sono stati i seguenti:

+ 142 % per uffici e studi privati;

+ 137 % per negozi e botteghe;

+ 107 % per laboratori di arti e mestieri;

+ 101 % per gli istituti di credito;

+ 94 % per gli immobili a uso produttivo;

I calcoli, eseguiti dall’Ufficio studi della CGIA, hanno preso come riferimento iniziale il 2011, ultimo anno in cui abbiamo pagato l’Ici. In questa analisi non si è tenuto conto del risparmio fiscale concesso dalla legge. Così come avvenuto nel 2014, anche per quest’anno la Tasi per le aziende è completamente deducibile dal reddito di impresa, mentre l’Imu lo è solo per una quota pari al 20 per cento.

 

continua a leggere su www.cgiamestre.com

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Polizze, come tutelare gli acquirenti di immobili in costruzione

Immobili, valore in calo del 10%. Ma quotazioni in ripresa nel 2021

Dove investire in immobili: i settori ora più redditizi

NEWSLETTER
Iscriviti
X