Comital cede le attività di laminazione alluminio e si concentra sul packaging alimentare

A
A
A
di Finanza Operativa 9 Luglio 2015 | 13:25

Il gruppo Comital, operante nei settori delle laminazione alluminio (Comital) e del packaging alimentare (Cuki e Domopak), ha perfezionato in data odierna la cessione delle attività di laminazione dello stabilimento di Volpiano (Torino) e del marchio Comital al gruppo industriale AEDI,  già operante in Europa nel settore alluminio, con le società francesi Miralu e Aramis – rispettivamente nell’ambito dei laminati laccati e nel mercato dei pannelli per rivestimenti e coperture di immobili e infrastrutture – e con la controllata italiana Lamalu.
La cessione delle attività industriali Comital rappresenta la realizzazione di un ulteriore obiettivo nel piano di rilancio industriale e di rafforzamento finanziario del gruppo condiviso con le banche finanziatrici e un passo fondamentale nel progetto di concentrazione delle risorse manageriali e finanziarie nel settore del packaging alimentare, con i prodotti Cuki e Domopak.
L’operazione di cessione, effettuata a esito del completamento delle azioni di razionalizzazione produttiva condotte negli ultimi anni e sostenute da rilevanti investimenti in innovazione degli impianti, afferma e rafforza Comital come uno dei più importanti operatori nel settore della laminazione alluminio in Europa, con un fatturato aggregato di 150 milioni di Euro e una capacità produttiva annua di oltre 25 mila tonnellate di laminazione sottile destinata al flexible packaging e di 50 mila tonnellate di laminazione semi-sottile, con una capacità di rifusione di alluminio secondario di 12 mila tonnellate nell’impianto a colata continua.
Con la cessione delle attività Comital, la capogruppo – già Comital SpA – assumerà la denominazione sociale di Cuki SpA e il gruppo Cuki concentrerà gli investimenti in innovazione prodotti e nello sviluppo in nuovi mercati per consolidare la propria leadership nel settore dei prodotti per la conservazione e la cottura degli alimenti, sia nel Largo Consumo (rotoli in alluminio, pellicola, carta forno, vaschette e sacchetti per la congelazione e la cottura), che nel settore Professional (con una ampia gamma di contenitori in alluminio e materiali plastici e bioplastici per l’industria alimentare, catering, ristorazione collettiva pubblica e privata e per l’autoconsumo della distribuzione organizzata).
Il gruppo Cuki realizza un fatturato di 200 milioni di Euro, di cui un terzo all’estero, e occupa 360 addetti, di cui 300 in Italia nella sede di Volpiano e negli stabilimenti di Frosinone e Pontinia (LT) e 60 nella controllata in Turchia.
Corrado Ariaudo, presidente esecutivo e azionista di riferimento ha commentato: “a esito di un difficile lavoro di ristrutturazione condotto con il responsabile supporto di tutti i lavoratori del gruppo, delle banche finanziatrici e delle organizzazioni sindacali, siamo giunti a realizzare un’importante operazione industriale che, separando il destino strategico delle due realtà industriali del Gruppo – laminazione alluminio Comital e packaging alimentare Cuki e Domopak –  crea le condizioni per attrarre e destinare maggiori risorse al rafforzamento delle specifiche potenzialità e costituisce il presupposto per assicurare continuità e ulteriore sviluppo, anche occupazionale, ai rapporti di collaborazione industriale tra le realtà Comital e Cuki, significativamente rafforzate dall’integrazione di Comital in un primario gruppo europeo operante nel settore
Jean Pierre Micouleau, presidente e proprietario di AEDI ha così commentato: “confido molto sull’investimento in Comital, che rappresenta un passo importante nel nostro progetto di crescita, attraverso il quale il gruppo AEDI espande le proprie attività nel mercato degli imballaggi flessibili e acquisisce una dimensione strategica a livello europeo nel settore della laminazione alluminio”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X